Venerdì 22 Marzo 2019 | 02:45

NEWS DALLA SEZIONE

La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

Potenza, i «furbetti» delle rinnovabili Si indaga su truffe e permessi

Potenza, i «furbetti» delle rinnovabili Si indaga su truffe e permessi
di Giovanni Rivelli

POTENZA - Amministratori pubblici locali, dirigenti comunali tecnici e investitori del settore delle energie rinnovabili sarebbero entrati nel mirino della Procura di Potenza che, avvalendosi della Guardia di Finanza, sta eseguendo accertamenti sulla presenza e le modalità di costruzione e autorizzazione di impianti di rinnovabili realizzati in Basilicata.

Le attività avrebbero già portato le fiamme gialle ad acquisire una corposa documentazione effettuando accertamenti societari su alcuni soggetti che hanno effettuato gli investimenti e sulle relazioni esistenti con gli enti pubblici a caccia di ipotesi di truffa nel conseguimento delle agevolazioni per l’incentivazione della produzione di energie da fonte rinnovabile e di irregolarità nella acquisizione dei permessi per la realizzazione degli impianti.

Tre diversi sistemi per avere più contributi - L’attenzione degli investigatori si starebbe concentrando su tre aspetti diversi che in ogni caso avrebbero garantito ai proprietari degli impianti di ottenere un quantitativo superiore di contributi pubblici rispetto a quelli effettivamente spettanti. Vale a dire frazionamenti artificiosi, intermediazione degli enti pubblici e procedure autorizzative difformi da quanto premisto dalle norme.

Procedure autorizzative difformi - Per la realizzazione di campi eolici e fotovoltaici è necessario ottenere l’autorizzazione unica, ma, il sospetto, è che in alcuni casi al posto di questo permesso si sia proceduto con i permessi a costruire rilasciati dal Comune. La normativa di riferimento (l’art.12 comma 3 del decreto legislativo 387/03), infatti, prevede che questi impianti «sono soggetti ad una autorizzazione unica, rilasciata dalla regione o altro soggetto istituzionale delegato dalla regione, nel rispetto delle normative vigenti in materia di tutela dell'ambiente, di tutela del paesaggio e del patrimonio storico-artistico». Un modo per agevolare, con una conferenza di servizi, il rilascio dei diversi pareri, ma saltare il tutto con un permesso a costruire come se si trattasse di una casa sarebbe sicuramente più veloce. Anche in questo caso, al di là della correttezza o meno dei requisiti alla base delle realizzazioni, la finalità sarebbe stato il conseguimento di un quantitativo maggiore di incentivi poichè diversi «conti energia», ossia i sistemi di incentivazione che si sono succeduti nel tempo, hanno previsto soglie di incentivazione decrescenti e riuscire a mettere in campo l’investimento prima o dopo avrebbe consentito di rientrare nel regime precedente.

I frazionamenti artificiosi - Su una collina ci sono 12 impianti da 1 Megawatt ciascuno. Se costituiscono un unico parco non possono usufruire di procedure semplificate di realizzazione e rientrano in uno scaglione più basso di energie, diversamente se sono separati hanno procedure semplificate e più incentivi. L’ipotesi investigativa è tutta qui. Quando a realizzare i diversi impianti sono società riconducibili in buona parte alle stesse persone, ma formalmente diverse. Cosa succede? Interventi di enti o di privati?

Ci sarebbe poi un’altra ipotesi investigativa. In genere, questi parchi vengono sempre realizzati di intesa con gli enti locali che ne traggono benefici economici. Ma la situazione è molto diversa se il parco è di un privato che paga royalty al Comune o se il parco è del Comune che può ottenere condizioni agevolate e contributi differenziati. E potrebbe esserci qualche caso di un investimento che risulta pubblico ma è finanziato da privati che, in pratica, governano l’investimento e godono della stragrande parte dei benefici. Una proprietà di fatto che potrebbe celare un raggiro. Filoni su cui sarebbero stati acquisiti già documenti, in vari periodi di tempo. Tutto, insomma, lascia pensare che i dubbi saranno sciolti a breve.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400