Giovedì 21 Marzo 2019 | 11:16

NEWS DALLA SEZIONE

Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 
BatÈ intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
BariL'inchiesta
Mercato nero della legna: un business malavitoso

Mercato nero della legna: un business malavitoso

 
LecceA lecce
Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

 
MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

La corsetteria di Lavello ora riparte da Belen In ripresa il polo dell'intimo

La corsetteria di Lavello ora riparte da Belen In ripresa il polo dell'intimo
FRANCESCO RUSSO
LAVELLO - I loro «coordinati» sono stati indossati anche da Belen Rodriguez: reggiseni e mutandine realizzati in un laboratorio di corsetteria di Lavello, che opera come contoterzista per un’azienda di Andria che ha scelto come testimonial la nota starlette argentina. Domenico Vizzano, fra macchine da cucire, semilavorati e prodotti già pronti per la spedizione, lo dice quasi con orgoglio. «Beh, fa sempre piacere vedere una pubblicità con Belen che indossa i nostri coordinati», racconta l’imprenditore lavellese, che da anni resiste nel mantenere il proprio laboratorio a conduzione prettamente familiare, con quattro operaie e tanta dedizione. Il momento per il settore resta difficile. Ma rispetto a qualche anno fa, dopo il crollo provocato dalla delocalizzazione delle produzioni, la lingerie made in Lavello si sta riprendendo.A creare una congiuntura favorevole - spiega Antonio De Fata, presidente del Distretto della Corsetteria di Lavello - «l'aumento dei costi di produzione all’estero ed il cambio del dollaro non più favorevole per Paesi come la Cina». Di laboratori ne sono rimasti una quindicina, la maggior parte dei quali lavora in contoterzi. Ma alle piccole aziende per ora va bene così: l’importante è che si riprenda a creare reddito e occupazione. «Certo - ammette Domenico Vizzano - siamo in ripresa, ma sono lontani i bei tempi in cui avevamo contatti con imprese del Nord. Ora quelle imprese non ci sono più: alcune hanno chiuso, altre sono andate via in Cina, Romania, Albania. Con il tempo, però, abbiamo trovato altri committenti. Oggi lavoriamo per un’azienda lavellese e per la ditta di Andria che ha scelto la Rodriguez come testimonial. Facciamo questo lavoro ormai da una ventina d’anni - continua l’imprenditore lavellese - e teniamo duro. Ci sono stati periodi difficili, adesso però non c'è male».

«Una volta avevo 40 operaie, mentre ora gestisco un’azienda a conduzione familiare, con poche lavoratrici: l’importante, però, è che adesso ci sia di nuovo lavoro», commenta Raffaele Zefola, titolare di un altro laboratorio di corsetteria lavellese, specializzato nella cucitura. «L'unico problema - mette in chiaro Zefola - restano i costi di gestione ed i prezzi sempre più bassi ai quali riusciamo a vendere i nostri prodotti. Negli anni '90 un nostro push-up ci veniva pagato tremila lire, oggi soltanto un euro e 25 centesimi. Ma se vogliamo restare sul mercato dobbiamo accettare questi prezzi, altrimenti i committenti si rivolgono altrove. Come vanno gli affari? Non c'è male. Lavoriamo per un marchio di Lavello, ma anche per un’azienda pugliese. Siamo abbastanza soddisfatti per come stanno andando le cose. In realtà - sottolinea Zefola - ogni mese non ci rimane moltissimo, ma almeno non abbiamo nemmeno un centesimo di debito. Tutti i giorni produciamo dai 400 ai 500 pezzi. Bisogna però affrontare le spese, provvedere agli stipendi delle operaie, pagare tasse e tributi. Se ne vanno seimila euro solo fra Imu, Tasi e tassa per i rifiuti solidi urbani. Poi c'è l’elettricità: i macchinari consumano energia e ci vogliono circa mille euro ogni due mesi. Rispetto a qualche anno fa, però - continua l’imprenditore - le cose vanno un po' meglio. Cosa ci vorrebbe? Qualche sgravio dal punto di vista fiscale: ci sarebbe d’aiuto». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400