Mercoledì 05 Agosto 2020 | 21:25

NEWS DALLA SEZIONE

L'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
SANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
In Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
INFRASTRUTTURE
Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

 
maltempo
Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

 
UNIVERSITÀ

Unibas, facoltà di Medicina: ora studiano gli aspiranti rettori

 
IL CASO

I familiari del centauro morto a Melfi: il manager Kawasaki va processato

 
Automobilismo
Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

 
la scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Tragedia
Vinovo, guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna e si toglie la vita

Guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna in Piemonte e si toglie la vita

 
L'INVENZIONE
Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraAllarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
BariIl caso
In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia 

In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia

 
PotenzaL'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
LecceIl caso
È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

 
FoggiaL'iniziativa
Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

 
BatIl caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 
HomeEroe per un giorno
Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 

i più letti

Potenza, imprese in piazza a favore investimenti Eni

Potenza, imprese in piazza a favore investimenti Eni
POTENZA – Un migliaio, tra imprenditori e lavoratori dell’indotto Eni in Val d’Agri, hanno organizzato stamani a Potenza un presidio per "sollecitare" il rispetto degli accordi tra la Regione e l’Eni del 1998, in particolare per quel che riguarda le opere da realizzare e la tutela dei livelli occupazionali.
Al presidio hanno partecipato circa 1.200 persone, con un centinaio di automezzi (comprese una decina di gru) e circa 20 autobus provenienti da tutta la regione. Una delegazione è stata anche ricevuta dal presidente della Regione, Marcello Pittella (Pd), che ha ricevuto un documento (con 1.800 firme) con le richieste delle imprese. Nei punti contenuti nel memorandum, si chiede di "sollecitare" il rilascio delle autorizzazioni per progetti previsti negli accordi del 1998, e di "velocizzare il rilascio delle autorizzazioni" sospese per le opere (come la costruzione del condotto "Pergola 1" e i pozzi "Caldarosa" 2 e 3 e il "S.Elia" 7, e la manutenzione del Centro Olio), anche per la tutela dei posti di lavoro. Sono infatti una trentina le aziende che operano nell’indotto Eni in Val d’Agri, con circa 3.500 persone impiegate (il 50% delle quali è lucana).
I dati sono stati resi noti da Ida Leone, uno dei componenti nel comitato "9 Ottobre" che ha organizzato la protesta: "Vogliamo portare all’attenzione della Regione – ha detto – non solo la questione burocratica e imprenditoriale, ma anche il futuro di queste famiglie, poichè circa la metà degli occupati rischia di perdere il posto entro la fine dell’anno. Non parliamo di nuove trivellazioni o dell’aumento della produzione, ma solo del rispetto degli accordi del 1998, per la tutela di tutte quelle piccole aziende che hanno investito in questo settore e che sono cresciute".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie