Giovedì 13 Agosto 2020 | 11:06

NEWS DALLA SEZIONE

IL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
POLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
l'iniziativa del comune
Offerta ai turisti del Pollino. Dormi 2 notti, ne paghi una

Rotonda, offerta ai turisti nel Pollino: dormi 2 notti, ne paghi una

 
LA TRAGEDIA nel potentino
Donna muore a Rionero investita dal suo furgone

Donna muore a Rionero in Vulture investita dal suo furgone

 
Contagi
Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

 
Il caso
Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

 
L'INTERVISTA
«Per uscire dalla crisi serve la verità»

Potenza, «Per uscire dalla crisi serve la verità»: la Chiesa suona la sveglia alla Basilicata

 
bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

 
fase 3
Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

 
Il caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
SERIE C
Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceLA CRISI
Taurisano, artigiano ambulante di dolci scrive a Conte: «Fateci lavorare

Taurisano, artigiano ambulante di dolci scrive a Conte: «Fateci lavorare»

 
FoggiaINNOVAZIONE
In fiera un hub rurale per innovare l'agricoltura

Foggia, in fiera un hub rurale per innovare l'agricoltura

 
BariFASE 3
Ruvo, la protesta di 9 turisti rientrati da Creta

Ruvo, la protesta di 9 turisti rientrati da Creta: «Obbligati all'isolamento, ma sull'isola era tutto tranquillo»

 
TarantoOrgoglio tarantino
Al Sette Colli è Benny Pilato show: record italiano nei 100 rana

Al Sette Colli è Benny Pilato show: record italiano nei 50 rana

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

Pertusillo, morìa di pesci Gli esperti: «Colpa del caldo»

Pertusillo, morìa di pesci Gli esperti: «Colpa del caldo»
di PINO PERCIANTE

«Nessuna traccia di idrocarburi». Ad uccidere i pesci nel Pertusillo non è stato il petrolio. Lo hanno stabilito le autopsie eseguite nell’istituto di zooprofilassi di Puglia e Basilicata. Nei resti della carpe non c’erano tracce di idrocarburi.

«Sono sostanze indigeribili e non possono svanire», spiegano gli addetti ai lavori. I risultati delle prime analisi escludono anche l’avvelenamento da pesticidi. Per capire perché i pesci sono morti bisognerà attendere i primi giorni della settimana entrante quando saranno pronti gli esiti degli ultimi esami condotti dai tecnici dell'Istituto di zooprofilassi a Foggia. I test, infatti, sono ancora in corso per vedere se all’interno dei pesci ci sono tossine (microcistine) prodotte da qualche alga o oppure tracce di metalli pesanti.

Il direttore sanitario dell’istituto zooprofilattico, Antonio Fasanella, è ottimista per i risultati già raggiunti: «I contaminanti più pericolosi come gli idrocarburi e i pesticidi non ci sono. Non abbiamo trovato niente». Le analisi, quindi confermerebbero, quello che i tecnici hanno sospettato fin dall’inizio quando i resti dei pesci sono arrivati nei laboratori per essere analizzati. La morìa potrebbe essere colpa di qualche alga prodotto del gran caldo di questi giorni. I pesci, quindi, sarebbero stati vittime incolpevoli delle intense temperature del periodo che avrebbero favorito la proliferazione di alghe la cui presenza riduce l’ossigeno nell’acqua.

È la stessa spiegazione che fu data cinque anni, fa quando si verificò la prima morìa (salvo poi fare marcia indietro e parlare di fenomeno probabilmente collegato al cattivo funzionamento dei depuratori o a scarichi abusivi). Ma si fa strada anche un’altra ipotesi: i pesci morti potrebbero essere quelli del fiume Agri (dove lo scorso 24 luglio, come si ricorderà, si è verificata un’altra morìa) trasportati poi nel Pertusillo dalle correnti. Resta, però, il giallo della «macchia oleosa» notata sulla superficie del lago, vicino allo sbarramento, dove c’erano le carpe morte.

«Non è petrolio», assicurano gli addetti ai lavori. Ancora qualche alga in coincidenza con l’aumento delle temperature, come accadde cinque anni fa, oppure qualche sversamento abusivo? I tecnici dell’istituto zooprofilattico avrebbero dovuto fare accertamenti anche per verificare se la causa della morìa sia riconducibile alla presenza di un batterio. Ma sarà difficile stabilirlo - spiegano dall’istituto - dal momento che i resti dei pesci erano in avanzato stato di decomposizione. E così dopo cinque anni il mistero del Pertusillo non viene ancora svelato e questo genera timori e inquietudini nella popolazione e nelle associazioni ambientaliste. Le istituzioni continuano a rassicurare sui livelli di inquinamento della diga ma questo non contribuisce ad eliminare dubbi e sospetti nella gente. Intanto, a giorni si dovrebbero conoscere anche gli esiti dei campionamenti fatti dall’Arpab.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie