Martedì 19 Marzo 2019 | 17:54

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
BariL'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Cassazione: no «gravi indizi colpevolezza» Valvano

Cassazione: no «gravi indizi colpevolezza» Valvano
POTENZA – La Corte di Cassazione ha stabilito "l'insussistenza di gravi indizi di colpevolezza" nei confronti del sindaco di Melfi (Potenza), Livio Valvano (Psi), coinvolto con altre 19 persone nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Potenza sui presunti appalti pubblici pilotati.

Nei confronti del sindaco di Melfi, e di altre tre persone, lo scorso gennaio fu emessa un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari: il Riesame, successivamente, pur annullando le esigenze cautelari per Valvano, confermò "i gravi indizi di colpevolezza".

Secondo quanto ha reso noto il legale del sindaco di Melfi, Gaetano Araneo, la Cassazione ha quindi stabilito l’insussistenza dei gravi indizi, "accogliendo in pieno il nostro ricorso", e dichiarando anche inammissibile il ricorso presentato dal pm sulle decisioni del Riesame per le esigenze cautelari.

"Con la stessa compostezza – ha detto Araneo – e con lo stesso stile con cui abbiamo seguito la prima fase dell’inchiesta, oggi esprimiamo la nostra soddisfazione per il pronunciamento della Cassazione, che riconosce al sindaco di Melfi l’insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza e la mancanza di esigenze cautelari".

L’inchiesta ha portato alla luce "un sistema di malaffare esistente all’interno del Comune". Secondo gli investigatori a Melfi era stato messo in piedi un sistema per "far ottenere l’assegnazione di appalti e lavori pubblici in favore di imprese amiche o segnalate da amici o da politici del posto": gli indagati erano accusati, a vario titolo, di turbata libertà di procedimenti di scelta del contraente, induzione indebita a dare o promettere beni e altre utilità e falso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400