Martedì 19 Marzo 2019 | 18:21

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Mafia, a giudizio ex vicepresidente giunta Basilicata

Mafia, a giudizio ex vicepresidente giunta Basilicata
POTENZA – Il gup di Potenza, Tiziana Petrocelli, ha prosciolto, "perchè il fatto non sussiste", Roberto Galante, ex consigliere comunale di Potenza (giudicato con rito abbreviato), coinvolto in un’inchiesta sui rapporti tra politica e mafia, che ha portato invece al rinvio a giudizio per altre sette persone, tra le quali l’ex vicepresidente (dal 2010 al 2012) della giunta regionale, Agatino Mancusi (Udc), e l’ex consigliere regionale Luigi Scaglione (attuale segretario regionale del Centro democratico).

Il giudice ha disposto il rinvio a giudizio – la prima udienza si svolgerà il prossimo 30 ottobre – anche per Antonio Cossidente, Luigi Biscione, Carmine Campanella, Michele Di Bello e Rocco Lepore (ex consigliere e assessore comunale di Potenza). La vicenda, tra il 2002 e il 2006, riguarda i presunti rapporti tra gli esponenti di un clan del Potentino, e alcuni rappresentanti del mondo politico: secondo gli investigatori, dalle indagini emersero posti di lavoro assegnati in cambio di favori, voti e appoggio elettorale.

"Il mio credo, personale e politico, mi impone di dire, come sin qui ho fatto e detto in altre occasioni, che sono sereno e fiducioso nell’esito del giudizio". Così, in una nota, il segretario regionale del Centro Democratico (Cd), Luigi Scaglione, in riferimento al rinvio a giudizio disposto nei suoi confronti, nel pomeriggio, dal gup di Potenza.

Scaglione ha poi aggiunto che "la rabbia che cova in me, mi spingerebbe a considerazioni estreme sull'interpretazione che gli organi inquirenti hanno dato di circostanze tanto casuali quanto anomale, ma che non mi esime dal rappresentare le stesse come lo specchio dell’anima di chi vede il male assoluto senza contestualizzare il ruolo e le funzioni esercitate".

"Il male assoluto appunto – ha aggiunto il segretario lucano di Cd – con l’accusa di un reato tanto evanescente quanto frutto di interpretazione personale (di quale associazione parliamo?) condito dalle dichiarazioni di un delinquente (voce del verbo delinquere) che non si capisce da chi sia pagato o istigato, si è detto anche elemento dei servizi segreti". Scaglione ha anche parlato di "un presunto pentito che avrebbe voluto ricattarmi o che ottiene un invito a far studiare il figlio per il quale chiede un posto di lavoro è credibile solo perchè accusa un politico per questo brutto, sporco e cattivo e si confonde su luoghi, date, e interventi". in un periodo, ha concluso "in cui non avevo alcun incarico politico nè potevo averlo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400