Venerdì 26 Aprile 2019 | 17:37

NEWS DALLA SEZIONE

Il furto
Potenza ruba portafoglio in ospedale San Carlo a 87enne: arrestato

Potenza ruba portafoglio in ospedale San Carlo a 87enne: arrestato

 
È ancora minorenne
Violentata per 9 anni dal papà e dal nonno: orrore nel Potentino

Violentata per 9 anni dal papà e dal nonno: orrore nel Potentino

 
La situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
Il nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 
Le indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
Petrolio lucano
Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

 
Il caso
Basilicata, petrolio contaminato in Val D'Agri: un arresto

Val D'Agri, petrolio contaminato: arrestato dirigente Eni 
«Massima collaborazione»

 
La nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
Elezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
L'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto.La squadra fa ricorso ma viene respinto

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Confermati gli over con vincoli pluriennaliDa sciogliere al più presto il nodo Brienza

Confermati gli over con vincoli pluriennali
Da sciogliere al più presto il nodo Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariUfficializzati i nomi
Bari, ecco i candidati ai 5 municipi che sostengono Decaro

Bari, ecco i candidati ai 5 municipi che sostengono Decaro

 
MateraIl provvedimento
Matera, nella Capitale della Cultura vietato lanciare coriandoli agli sposi: «Deturpano»

Matera, nella Capitale della Cultura vietato lanciare coriandoli agli sposi: «Deturpano»

 
PotenzaIl furto
Potenza ruba portafoglio in ospedale San Carlo a 87enne: arrestato

Potenza ruba portafoglio in ospedale San Carlo a 87enne: arrestato

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, l'ombra della baby gang dietro la morte di un anziano

Manduria, l'ombra della baby gang dietro la morte di un anziano: pestato a sangue

 
BrindisiA francavilla fontana
In casa merce rubata e 2 pincher denutriti: denunciata coppia

In casa merce rubata e 2 pincher denutriti: denunciata coppia

 
BatNessun ferito
Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: fermato

Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: preso ucraino

 

Indotto industriale di Melfi La «beffa» degli stipendi tagliati agli interinali

Indotto industriale di Melfi La «beffa» degli stipendi tagliati agli interinali
di ANTONELLA INCISO

MELFI - Cancellati, tagliati, eliminati. Un «errore» costato tra i duecento ed i trecento euro al mese. Soldi dovuti e mai percepiti. È la «beffa» dei nuovi addetti in alcune aziende dell’indotto di San Nicola di Melfi. Assunti nelle diverse fabbriche dell’indotto sulla scia degli investimenti della FCA nello stabilimento Sata di San Nicola di Melfi, a pochi mesi di distanza si sono trovati con gli stipendi «tagliati». Con le agenzie interinali che li hanno impiegati e li stanno pagando mese dopo mese come prevede la legge, che di fatto hanno «eliminato » alcune voci dalla busta paga.
A denunciare il caso sono stati i vertici della Uilm che, dopo una serie di verifiche incrociate, si sono resi conto che negli statini delle diverse mensilità mancavano alcune voci previste, invece, dagli accordi firmati con le aziende. Non c’erano, ad esempio, gli straordinari, non c’erano gli incentivi ed alcuni premi di produzione, in alcuni casi mancavano finanche gli assegni familiari. Un «errore» che, di fatto, ai lavoratori costa ogni mese tra i duecento ed i trecento euro. Una cifra non proprio piccola se si considera che uno stipendio medio è di oltre 1000 euro. Ma soprattutto una vicenda che avrebbe riguardato non pochi lavoratori.

Il numero preciso, per la verità, non è ufficializzato ma il sindacato ammette che ad essere coinvolti sarebbero diversi dei nuovi assunti (sui 500 complessivi che ad oggi lavorano nelle fabbriche dell’indotto). Insomma, un problema non proprio limitato che ha convinto il sindacato ad intervenire pubblicamente, incontrando in diverse riunioni proprio i vertici delle agenzie interinali. Vertici in cui, secondo quanto assicurano proprio gli esponenti Uilm, il problema è stato riconosciuto e definito «un errore» dovuto alla «nuova esplosiva fase produttiva» dell’area industriale di San Nicola di Melfi. Tanto che ad esso, secondo le assicurazioni, delle stesse agenzie interinali, sarà posto rimedio a partire dal prossimo stipendio.

«Ci aspettiamo che la questione venga risolta - sottolinea Giovanni Galgano, componente della segretario regionale della Uilm - perchè abbiamo riscontrato che i problemi c’erano e si dovevano risolvere. Da parte delle agenzie interinali, però, non abbiamo trovato un muro ma la volontà di risolvere la questione. Gli stessi, infatti, ci hanno assicurato che i soldi verranno restituiti già nella prossima busta paga».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400