Sabato 16 Febbraio 2019 | 02:03

NEWS DALLA SEZIONE

Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 
Verso il voto
Basilicata, c'è un astronomo in corsa per la Regione

Basilicata, c'è un astronomo in corsa per la Regione

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

Faida tra clan rivali nel Melfese: ergastolo a uno degli imputati

POTENZA – Con l’accusa, a vario titolo, di aver ucciso tre persone nel Melfese, tra il 2002 e il 2007, nell’ambito di una guerra tra clan rivali, la Corte d’Assise d’appello di Potenza oggi ha condannato all’ergastolo Dario D’Amato (assolto in primo grado nel 2012), confermando invece le condanne a 30 anni di reclusione per Nicola Lovisco, Angelo Di Muro e Michele Morelli, a 14 anni per Alessandro D’Amato, e l'assoluzione per Gerardo Caprarella
Faida tra clan rivali nel Melfese: ergastolo a uno degli imputati
POTENZA – Con l’accusa, a vario titolo, di aver ucciso tre persone nel Melfese, tra il 2002 e il 2007, nell’ambito di una guerra tra clan rivali, la Corte d’Assise d’appello di Potenza oggi ha condannato all’ergastolo Dario D’Amato (assolto in primo grado nel 2012), confermando invece le condanne a 30 anni di reclusione per Nicola Lovisco, Angelo Di Muro e Michele Morelli, a 14 anni per Alessandro D’Amato, e l'assoluzione per Gerardo Caprarella.

In primo grado gli imputati furono giudicati con il rito abbreviato. L’inchiesta – che nel 2010 portò agli arresti di Lovisco, Di Muro, Morelli, Caprarella e di Dario D’Amato – fu denominata "Gattopardo", e fece luce sugli omicidi di Rocco Delli Gatti (nel 2002), di Domenico Petrilli (2003) e di Marco Ugo Cassotta (2007) nei quali gli imputati erano coinvolti in vicende diverse.

In particolare il nome dell’inchiesta deriva dal fatto che Alessandro D’Amato, collaboratore di giustizia, "passò" nel 2007 dal clan Cassotta ai Delli Gatti – cambiò "famiglia" per non cambiare nulla, parafrasando quindi il "Gattopardo" – fornendo poi i particolari dei tre omicidi e del ruolo (diverso di volta in volta) dei presunti autori, e "guidando" gli investigatori anche verso l’arresto del fratello, Dario D’Amato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400