Lunedì 10 Agosto 2020 | 08:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
SERIE C
Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

 
la denuncia
Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto ormai livello di guardia»

Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto livello di guardia»

 
Agricoltura
Basilicata, da regione 1mln per impianti viticoli

Basilicata, da Regione 1mln per impianti viticoli

 
SANITÀ
Addio al nuovo ospedale di Lagonegro: 176 milioni vanno all'ammodernamento

Lagonegro, addio al nuovo ospedale: 176 milioni vanno all'ammodernamento

 
LA SVOLTA
Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

 
LA CONDANNA
Rapolla, fucilata nella lite per il posto auto

Rapolla, fucilata nella lite per il posto auto

 
dati regionali
Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

 
L'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
SANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
In Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 

Il Biancorosso

serie c
Troppi over, il Bari col bisturi  taglio chirurgico a ogni arrivo

Troppi over: il Bari col bisturi, taglio chirurgico a ogni arrivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaDopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 
TarantoOccupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
Leccenel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
MateraIl caso
Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

 
PotenzaIl caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
Batverso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
Brindisil'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, il premier Conte ospite de «La Piazza»

 

i più letti

Frana messa in sicurezza riapre strada provinciale

di PINO PERCIANTE
MONTEMURRO (POTENZA) - Da qualche giorno i cittadini erano costretti a vivere notevoli disagi per la chiusura di una delle strade di comunicazione principali del paese. Tanto che c’era chi gridava già all’isolamento. Salvo imprevisti finisce oggi l’isolamento di Montemurro. Dopo dodici giorni di chiusura al traffico viene, infatti, riaperta la strada provinciale 11, interrotta dal quattro febbraio a causa di una frana
Frana messa in sicurezza riapre strada provinciale
di PINO PERCIANTE

MONTEMURRO - Da qualche giorno i cittadini erano costretti a vivere notevoli disagi per la chiusura di una delle strade di comunicazione principali del paese. Tanto che c’era chi gridava già all’isolamento. Salvo imprevisti finisce oggi l’isolamento di Montemurro. Dopo dodici giorni di chiusura al traffico viene, infatti, riaperta la strada provinciale 11, interrotta dal quattro febbraio a causa di una frana. La strada sarà aperta a senso unico alternato. Di fatto è l’unica via di collegamento diretto verso la val d’Agri, anche per i residenti di Corleto e Armento, dal momento che pure la “Fiumarella” di Armento è interrotta.

La strada provinciale 11 era stata invasa da fango e detriti scaricati dalla grossa frana caduta mercoledì quattro febbraio. Quel giorno, intorno alle ventidue, il costone che sovrasta l’arteria si era improvvisamente staccato e fango e detriti avevano invaso il nastro d’asfal - to. Per fortuna che in quel momento non passava nessuno. Al sospiro di sollievo per lo scampato pericolo si erano subito aggiunte le preoccupazioni della comunità rimasta di fatto isolata dal resto della val d’Agri. Dopo un vertice in Regione, i lavori sono stati presi in carico dal Comune che ha fatto completare ad una ditta specializzata la rimozione dei detriti dalla provinciale. Ieri pomeriggio gli operai stavano ultimando il posizionamento della rete paramassi. Oggi alle nove sopralluogo dei tecnici della Provincia per decidere il da farsi. «Se non sorgono intoppi dopo il sopralluogo la strada tornerà transitabile, anche se il transito per qualche tempo sarà a senso unico alternato – dichiara il sindaco Senatro Di Leo – la situazione torna quindi alla quasi normalità e si allevia il disagio dei cittadini. La strada dovrebbe essere riaperta intorno alle undici di stamattina. C’è soddisfazione perché il problema è stato risolto in tempi brevi».

Chiuso il capitolo isolamento resta, però, quello della messa in sicurezza del costone. A seguito del crollo erano state evacuate undici famiglie che abitano a ridosso delle pendici del costone, in prossimità di piazza IV Novembre. Ad eccezione di due famiglie le altre hanno fatto ritorno in questi giorni nelle loro abitazioni, mentre su tre case disabitate resta il divieto di utilizzo.
«Dopo la riapertura della strada proseguiranno i lavori per la messa in sicurezza del costone – spiega il primo cittadino di Montemurro - si faranno dei sondaggi per capire quali cause hanno portato al cedimento e come intervenire per risolvere il problema». Anche per questo è ancora presto per definire modalità e tempi (di conseguenza anche costi per i progetti e per la riparazione) di un intervento di ripristino del costone. Ecco perché non è possibile stabilire con certezza una data per la messa in sicurezza definitiva del versante. I tecnici continueranno a tenere sotto controllo il fronte della frana. La situazione potrebbe tornare difficile con un eventuale ritorno delle piogge.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie