Domenica 17 Febbraio 2019 | 16:34

NEWS DALLA SEZIONE

Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia: non sono graditi

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
TarantoLe dichiarazioni
Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BariDa piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

Val d’Agri e S. Arcangelo come la terra dei fuochi?

di PINO PERCIANTE
POTENZA - Sant’Arcangelo come la terra dei fuochi? «L’incidenza della tiroidite di Hashimoto nel paese della val d’Agri si avvicina molto a quella di Mariglianella, un comune di poco più di settemila abitanti in provincia di Napoli». Lo ha detto Vincenzo Petrosino, medico oncologo, nel corso di un convegno dal titolo: «La Val d’Agri e Sant’Arcangelo possono essere considerate la nuova terra dei fuochi?»
Val d’Agri e S. Arcangelo come la terra dei fuochi?
di PINO PERCIANTE

POTENZA - Sant’Arcangelo come la terra dei fuochi? «L’incidenza della tiroidite di Hashimoto nel paese della val d’Agri si avvicina molto a quella di Mariglianella, un comune di poco più di settemila abitanti in provincia di Napoli». Lo ha detto Vincenzo Petrosino, medico oncologo, nel corso di un convegno dal titolo: «La Val d’Agri e Sant’Arcangelo possono essere considerate la nuova terra dei fuochi?». «I primi dati – dice Petrosino - sembrano avvalorare questo sospetto».
La tiroidite di Hashimoto colpisce principalmente le donne di mezza età. «A Sant’Arcangelo sono circa una ventina i casi– spiega Petrosino -. Non sono pochi considerato il numero di abitanti e il fatto che colpisce in prevalenza le donne. Le malattie tiroidee sono la spia più sensibile dell’inquinamento».

Secondo Petrosino l’inquinamento diffuso sembra un dato ormai acquisito, così come le sue conseguenze sulla popolazione. «Ormai viviamo tra metalli pesanti, idrocarburi policiclici e pcb. In Basilicata ci sono tutti. Che facciano male, poi, lo dice anche il ministero della salute che ha preparato un apposito opuscolo su come difendersi. A questo punto uno dovrebbe chiedersi: vogliamo limitarla oppure no questa roba che fa male?».
Durante il convegno tenutosi nel polifunzionale di San Brancato, si è parlato anche della discarica di località Frontoni che continua a preoccupare gli abitanti di Sant’Arcangelo: «È troppo vicina alla diga di Monte Cotugno, il più grande invaso in terra battuta d’E u ro p a – spiega Tiziano le Rose, portavoce del comitato Per Sant’Arcangelo che ha promosso il convegno -. Facciamo gli scongiuri, ma se si dovesse verificare un’ autocombustio - ne nell’impianto potrebbe avere conseguenze dirette e nefaste sulla diga».

Nel 2006 nella discarica di Sant’Arcang elo smaltiscono 5 comuni che nel 2009 salgono a 21. In seguito all’emergenza dovuta alla chiusura dell’impianto di Moliterno vengono autorizzati a smaltire a Sant’Arcan - gelo altri 8 comuni. Nel 2010 si registra il primo ampliamento dell’impianto. Nel 2011 chiude anche la discarica di Lauria e il numero di comuni che smaltiscono a Sant’Arcangelo sale da 29 a 40 a cui si aggiungono anche i camion provenienti dalla stazione di trasferenza di Tito. Il comitato, da subito, denuncia i disagi causati sia dal via vai dei camion sia dai miasmi che giungono in paese dalla discarica.

Ma non è solo la puzza a preoccupare i cittadini: «C’è il rischio che si infiltri la criminalità organizzata – dice Le Rose -. Per questo è necessaria una forte presenza pubblica. Si spera nell’attenzione di tutti gli organi preposti anche per le trivellazioni petrolifere». All’incontro ha partecipato anche Silvana Baldantoni, presidente dell’associazione Punto Zero: «L’associazione – sottolinea la Baldantoni -appartiene a me, Giuseppe Di Bello, Giovanni Baldantoni, Fausto Marchetti e Marisa Agrostelli e siamo liberi da forze e manipolazioni politiche». Presente anche il Senatore Bartolomeo Pepe che con l’équipe del dottor Petrosino hanno avviato anche in Basilicata lo studio «Analisi per la Vita», esami tossicologici al sangue e ai capelli per scoprire il livello di intossicazione da metalli pesanti e pcb.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400