Mercoledì 05 Agosto 2020 | 21:24

NEWS DALLA SEZIONE

L'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
SANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
In Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
INFRASTRUTTURE
Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

 
maltempo
Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

 
UNIVERSITÀ

Unibas, facoltà di Medicina: ora studiano gli aspiranti rettori

 
IL CASO

I familiari del centauro morto a Melfi: il manager Kawasaki va processato

 
Automobilismo
Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

 
la scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Tragedia
Vinovo, guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna e si toglie la vita

Guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna in Piemonte e si toglie la vita

 
L'INVENZIONE
Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraAllarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
BariIl caso
In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia 

In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia

 
PotenzaL'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
LecceIl caso
È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

 
FoggiaL'iniziativa
Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

 
BatIl caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 
HomeEroe per un giorno
Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 

i più letti

Il fiume Agri non c’è più l’acqua un lontano ricordo

S. CHIRICO RAPARO - Il fiume Agri non c’è più. «Da diversi giorni il corso d’acqua è completamente scomparso lungo un tratto di quasi tre chilometri». La denuncia arriva dai volontari e dagli esperti del Centro Studi Naturalistici Nyctalus Onlus e del WWF Val d’Agri che stanno monitorando lo stato di salute di un tratto significativo del fiume Agri da diversi giorni, constatando «una grave e ormai insostenibile crisi ecologica».
Il fiume Agri non c’è più l’acqua un lontano ricordo
S. CHIRICO RAPARO - Il fiume Agri non c’è più. «Da diversi giorni il corso d’acqua è completamente scomparso lungo un tratto di quasi tre chilometri». La denuncia arriva dai volontari e dagli esperti del Centro Studi Naturalistici Nyctalus Onlus e del WWF Val d’Agri che stanno monitorando lo stato di salute di un tratto significativo del fiume Agri da diversi giorni, constatando «una grave e ormai insostenibile crisi ecologica».
«Il fattore più allarmante - si sottolinea - è il livello delle acque, del tutto insufficiente (e a tratti inesistente) a garantire uno stato ecologico minimo necessario per la sopravvivenza delle comunità biologiche».

A partire da località «Petto del Cavaliere» in agro di San Martino d’Agri, fino ad arrivare al confine orientale del territorio del Parco Nazionale Appennino Lucano Val d’Ag ri Lagonegrese (confluenza Fiume Agri, Fosso Tavolatedda) lunghi tratti di fiume sono completamente scomparsi, non c’è alcuna traccia di acque in superficie. In altri tratti il fiume è ridotto ad un rigagnolo, oppure il letto del fiume si è ridotto ad un insieme di pozze molto basse.
Nella situazione del fiume Agri si deve garantire al fiume un minimo deflusso vitale o Mdv (ossia; quel quantitativo di acqua rilasciata da una qualsiasi opera di captazione sull'asta di un fiume o torrente in grado di garantirne la naturale integrità ecologica e la tutela della vita acquatica).
Il minimo deflusso vitale deve tener conto: delle diverse stagioni, della tutela dell’ecosistema acquatico, della tutela della naturalità del fiume, del rispetto della qualità dell’habitat e della tutela della fruizione ed è quindi di fondamentale importanza per mantenere in vita il fiume.

«Nonostante la nostra indagine - dice il Wwf - abbia interessato un breve tratto di circa 9 km, ricadente per lo più nell’a re a Parco Nazionale Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese riteniamo verosimile che le medesime condizioni di criticità interessino in vario modo l’intero corso del fiume fino alla foce. La situazione attuale configura una crisi ecologica che va a gravare su un equilibrio già di per se instabile. La situazione ha forti ripercussioni anche sulla zootecnia e sull’agricoltura., in primis sulle aziende agricole dislocate lungo il corso del fiume che usufruiscono dei servizi ecologici. Questa situazione di criticità mette a dura prova un sistema agricolo già fragile ed esasperato».
Per il Wwf questo stato del fiume è determinato da «cattiva gestione del territorio; inciviltà e sovra-sfruttamento delle risorse idriche; scarichi abusivi; controlli e sopralluoghi sul territorio insufficienti; Riscaldamento globale e cambiamenti climatici».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie