Martedì 19 Marzo 2019 | 02:37

NEWS DALLA SEZIONE

I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 
La denuncia
Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

 
l’altra faccia della disoccupazione
Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Estorsioni in cantiere tre arresti a Potenza Minacce con bombe

POTENZA – Tre persone sono state arrestate dai Carabinieri con l’accusa di tentata estorsione – aggravata dal metodo mafioso – ai danni di imprenditori impegnati nei cantieri per l’ammodernamento del tratto lucano dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria. I provvedimenti sono stati emessi al termine di indagini dei Carabinieri del Comando provinciale di Potenza
Estorsioni in cantiere tre arresti a Potenza Minacce con bombe
POTENZA – Hanno programmato, e poi portato a termine, una serie di intimidazioni ai danni di aziende che gestivano appalti lungo il tratto lucano dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, incendiando alcuni automezzi e arrivando a piazzare bombole del gas e un ordigno davanti all’abitazione di uno degli imprenditori (con un biglietto con la scritta “non toccare, può esplodere”): tre persone sono state arrestate dai Carabinieri nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Procura distrettuale antimafia di Potenza.

I particolari dell’operazione "Teseo" – delegata ai Carabinieri di Lagonegro (Potenza), con la partecipazione della Procura lagonegrese – sono state illustrate stamani a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, dal Procuratore della Repubblica del capoluogo lucano, Luigi Gay. Sono stati arrestati Biagio Riccio, Eugenio Torino (entrambi in carcere) e Guerino Buldo (ai domiciliari), accusati a vario titolo di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Le indagini hanno riguardato una decina di episodi che si sono verificati nell’area da maggio dello scorso anno: ordigni e bombole del gas sono stati gli strumenti principali utilizzati per intimidire gli imprenditori, arrivando anche alle minacce con gli sms, in cui si sollecitano i pagamenti (fino a settemila euro). Accanto alle intercettazioni ambientali, sono state alcune telecamere di sorveglianza ad aiutare gli investigatori: per contattare gli imprenditori, infatti, sono state utilizzate delle cabine telefoniche nei pressi di un autogrill, ma i presunti estorsori sono stati filmati mentre utilizzavano quei telefoni pubblici, e i tabulati hanno confermato queste circostanze.

Ora le indagini si stanno concentrando su eventuali contatti con le organizzazioni criminali della Campania e della Calabria, ha spiegato Gay, per verificare gli scenari esistenti nel Potentino. Secondo quanto è emerso fino a questo momento, nessuno degli imprenditori avrebbe pagato le somme richieste, ma in alcuni casi gli stessi avrebbero chiesto informazioni e contattati dopo le minacce ricevute.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400