Domenica 17 Febbraio 2019 | 17:42

NEWS DALLA SEZIONE

Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia: non sono graditi

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
TarantoLe dichiarazioni
Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BariDa piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

Centrali idroelettriche minacciano fiumi lucani

di PINO PERCIANTE
L’invasione delle microcentrali idroelettriche sta in questi ultimi tempi contagiando anche la Basilicata, al punto che in alcuni territori, come ad esempio proprio la valle del Noce, si stanno moltiplicando le richieste di autorizzazione per mini turbine lungo il corso del fiume. Sette, secondo il comitato per la salute del Noce, sono in fase di istruttoria
Centrali idroelettriche minacciano fiumi lucani
PINO PERCIANTE
Una volta c’erano i mulini ad acqua, oggi ci sono le centrali idroelettriche. Il nuovo che avanza ha più fame di kilowatt che di pane e così ogni minuscolo salto d’acqua, diventa buono per ricavarci elettricità. L’invasione delle microcentrali idroelettriche sta in questi ultimi tempi contagiando anche la Basilicata, al punto che in alcuni territori, come ad esempio proprio la valle del Noce, si stanno moltiplicando le richieste di autorizzazione per mini turbine lungo il corso del fiume. Sette, secondo il comitato per la salute del Noce, sono in fase di istruttoria e un’autorizzazione è stata già concessa. I sei comuni della valle presto potrebbero diventare la patria del mini idroelettrico.

«Anche se – dice Gerardo Melchionda, referente di Libera per il Lagonegrese – abbiamo avuto assicurazioni che non saranno autorizzati nuovi impianti fino all’aggiornamento del piano stralcio del bilancio idrico». Società specializzate, a volte semplici srl, sono nate proprio intuendo il business dell’energia verde, spinto in alto da abbondanti incentivi statali: basti pensare che ogni kilowatt prodotto viene pagato dalla rete elettrica nazionale tra i 20 e i 26 centesimi di euro, quando il prezzo di mercato sarebbe di appena 6 centesimi. E in più la durata di questa cuccagna, che prima era di quindici anni, ora è stata estesa a venti. Gli esperti calcolano che un investimento di 100 mila euro si ripaga in meno di 10 anni.

Resta da analizzare se un boom di questo genere non abbia controindicazioni sull’economia, sul paesaggio, sull’ecosistema. E qui come sempre accade in questi anni le versioni sono contrastanti. Chilometri di fiumi, secondo gli ambientalisti, rischiano di sparire completamente, pezzi di paradisi ambientali che rischiano di essere ridotti a rigagnoli. Per i favorevoli, invece, l’espandersi del mini idroelettrico non avrebbe controindicazioni; si tratta in fondo di usare in maniera nuova una rete e un bene che già esistono. I problemi potrebbero sorgere in caso di siccità; a quel punto, dovrà essere chiaro che le necessità dell’agricoltura e della produzione di cibo devono essere privilegiate rispetto a quelle della produzione energetica.

Contro l’assalto delle centrali idroelettriche è sceso in campo il comitato «Giù le mani dal torrente e dalla spiaggia di Fiumicello» costituitosi proprio per dire no ai tubi dentro ai quali -con lo scopo di produrre energia elettrica pulita- si vorrebbero chiudere le acque dei torrenti. Proteste, assemblee e raccolte di firme sono in corso a Maratea, ma i lavori per la centrale di Fiumicello stanno andando avanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400