Giovedì 01 Ottobre 2020 | 19:04

NEWS DALLA SEZIONE

Industria
Balvano, Ferrero raddoppia dopo il successo Nutella Biscuits

Balvano, Ferrero raddoppia dopo il successo Nutella Biscuits

 
Il virus
Covid in Basilicata, 16 nuovi contagi in casa di riposo a Marsicotevere

Covid in Basilicata, 16 nuovi contagi in casa di riposo a Marsicovetere

 
Nel Potentino
Basilicata, cerca di vendere sui social un pappagallo australiano: denunciato

Basilicata, cerca di vendere sui social un pappagallo australiano: denunciato

 
Nel Potentino
Mancano le vocazioni: le ultime due suore lasciano Pescopagano

Mancano le vocazioni: le ultime due suore lasciano Pescopagano

 
Paura nel Potentino
Fca, i contagi salgono a quota 16: vaccini antinfluenzali per tutti

Fca, i contagi salgono a quota 16: vaccini antinfluenzali per tutti

 
In ospedale
Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

 
Nel Potentino
Lavello, rapina in casa: condanna nulla in Cassazione, il sospettato ha un fratello che gli somiglia troppo

Lavello, rapina in casa: condanna nulla in Cassazione, il sospettato ha un fratello che gli somiglia troppo

 
Il virus
Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

 
indagini
Potenza, la Finanza negli uffici della Soprintendenza

Potenza, la Finanza negli uffici della Soprintendenza

 
lavoro
Potenza, ad agosto boom di autorizzazioni ore Cig: ben 1,5 milioni

Potenza, ad agosto boom di autorizzazioni ore Cig: ben 1,5 milioni

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAmbiente
Taranto, cattivi odori da discarica: tutti assolti, ma è polemica

Taranto, cattivi odori da discarica: tutti assolti, ma è polemica

 
BariL'emergenza
Bari, un caso di Covid in scuola media Michelangelo: classe in quarantena

Bari, un caso di Covid in scuola media Michelangelo: classe in quarantena. Contagi anche in altri istituti

 
LecceNel Salento
Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

 
BatIl virus
Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

 
PotenzaIndustria
Balvano, Ferrero raddoppia dopo il successo Nutella Biscuits

Balvano, Ferrero raddoppia dopo il successo Nutella Biscuits

 
Foggiatra carapelle e orta nova
Frontale fra due auto nel Foggiano: 7 feriti, alcuni in gravi condizioni

Frontale fra due auto nel Foggiano: 8 feriti, alcuni in gravi condizioni

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

Centrali idroelettriche minacciano fiumi lucani

di PINO PERCIANTE
L’invasione delle microcentrali idroelettriche sta in questi ultimi tempi contagiando anche la Basilicata, al punto che in alcuni territori, come ad esempio proprio la valle del Noce, si stanno moltiplicando le richieste di autorizzazione per mini turbine lungo il corso del fiume. Sette, secondo il comitato per la salute del Noce, sono in fase di istruttoria
Centrali idroelettriche minacciano fiumi lucani
PINO PERCIANTE
Una volta c’erano i mulini ad acqua, oggi ci sono le centrali idroelettriche. Il nuovo che avanza ha più fame di kilowatt che di pane e così ogni minuscolo salto d’acqua, diventa buono per ricavarci elettricità. L’invasione delle microcentrali idroelettriche sta in questi ultimi tempi contagiando anche la Basilicata, al punto che in alcuni territori, come ad esempio proprio la valle del Noce, si stanno moltiplicando le richieste di autorizzazione per mini turbine lungo il corso del fiume. Sette, secondo il comitato per la salute del Noce, sono in fase di istruttoria e un’autorizzazione è stata già concessa. I sei comuni della valle presto potrebbero diventare la patria del mini idroelettrico.

«Anche se – dice Gerardo Melchionda, referente di Libera per il Lagonegrese – abbiamo avuto assicurazioni che non saranno autorizzati nuovi impianti fino all’aggiornamento del piano stralcio del bilancio idrico». Società specializzate, a volte semplici srl, sono nate proprio intuendo il business dell’energia verde, spinto in alto da abbondanti incentivi statali: basti pensare che ogni kilowatt prodotto viene pagato dalla rete elettrica nazionale tra i 20 e i 26 centesimi di euro, quando il prezzo di mercato sarebbe di appena 6 centesimi. E in più la durata di questa cuccagna, che prima era di quindici anni, ora è stata estesa a venti. Gli esperti calcolano che un investimento di 100 mila euro si ripaga in meno di 10 anni.

Resta da analizzare se un boom di questo genere non abbia controindicazioni sull’economia, sul paesaggio, sull’ecosistema. E qui come sempre accade in questi anni le versioni sono contrastanti. Chilometri di fiumi, secondo gli ambientalisti, rischiano di sparire completamente, pezzi di paradisi ambientali che rischiano di essere ridotti a rigagnoli. Per i favorevoli, invece, l’espandersi del mini idroelettrico non avrebbe controindicazioni; si tratta in fondo di usare in maniera nuova una rete e un bene che già esistono. I problemi potrebbero sorgere in caso di siccità; a quel punto, dovrà essere chiaro che le necessità dell’agricoltura e della produzione di cibo devono essere privilegiate rispetto a quelle della produzione energetica.

Contro l’assalto delle centrali idroelettriche è sceso in campo il comitato «Giù le mani dal torrente e dalla spiaggia di Fiumicello» costituitosi proprio per dire no ai tubi dentro ai quali -con lo scopo di produrre energia elettrica pulita- si vorrebbero chiudere le acque dei torrenti. Proteste, assemblee e raccolte di firme sono in corso a Maratea, ma i lavori per la centrale di Fiumicello stanno andando avanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie