Domenica 23 Settembre 2018 | 13:52

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Rimborsi col «trucco» condannati ex consiglieri della Regione Basilicata

POTENZA - Condannati in appello a 1 anno e quattro mesi ciascuno gli ex consiglieri regionali Prospero De Franchi, Giacomo Nardiello, Franco Mattia e l’attuale consigliere Francesco Mollica accusati di aver indebitamente percepito rimborsi benzina tra il 2005 e il 2008. Il procuratore generale aveva chiesto l’assoluzione. Per Mollica, unico ancora in carico, c’è il rischio della sospensione
Rimborsi col «trucco» condannati ex consiglieri della Regione Basilicata
di Massimo Brancati

POTENZA - In primo grado la condanna a 1 anno e otto mesi. Poi la richiesta del procuratore generale Modestino Roca - nel corso dell’udienza in Corte d’Appello - dell’assoluzione con formula piena «perché il fatto non sussiste». Ieri la nuova puntata con relativo colpo di scena: la condanna a 1 anno e quattro mesi ciascuno per il consigliere regionale Francesco Mollica (Udc) e gli ex consiglieri Giacomo Nardiello, Prospero De Franchi e Franco Mattia accusati di aver indebitamente percepito rimborsi chilometrici tra il 2005 e il 2008.

Nonostante il procuratore generale, nel chiedere l’assoluzione, avesse detto che i quattro imputati «avevano bene interpretato la legge regionale» per avere diritto a quei rimborsi, la Corte d’Appello è andata giù duro agganciandosi alla sentenza di primo grado, con un leggero sconto, e «ripristinando» il teorema accusatorio: i quattro vivevano a Potenza ma, grazie alla residenza formale in un paese della provincia, incassavano illecitamente dalla Regione i rimborsi spese per i presunti «viaggi» nel capoluogo, sede del Consiglio regionale.

L’inchiesta, condotta dall’allora pm di Potenza Henry John Woodcock, risale al 2008, ma i reati contestati partono dal 2004. I quattro, sempre secondo l’accusa, hanno ottenuto rimborsi previsti dalla legge regionale del 2002 per i consiglieri che risiedono fuori dal capoluogo. Durante le indagini gli investigatori svolsero servizi di osservazione e pedinamento e stabilirono che, di fatto, gli indagati abitavano a Potenza. Mattia, in particolare, risultava residente a Tolve (e ha incassato rimborsi forfettari per 24.309 euro), Mollica sulla carta abitava ad Anzi (17.056 euro di rimborsi), De Franchi a Corleto Perticara (37mila 506 euro) e Nardiello a Ruoti, (19.371 euro). Tesi da sempre con testata dai difensori dei quattro consiglieri. All’ultima udienza di primo grado anche il pm Sergio Marotta, a sorpresa, chiese l’assoluzione dei quattro: «Moralismi e sociologia - disse in udienza - restino fuori dalle aule penali». Ma il giudice Gubitosi, che ritenne prescritte le somme percepite tra fine 2004 e i primi mesi del 2005, li condannò per le somme ricevute tra tra maggio del 2005 e la fine del 2008. Gli avvocati dei quattro imputati si dissero sorpresi della decisione, vista anche la richiesta che aveva avanzato proprio l’accusa durante l’ultima udienza davanti al Tribunale di Potenza, e decisero di impugnarla. Ma ieri, in appello, hanno assistito ad un beffardo deja-vù con la condanna che si è materializzata nuovamente dopo una richiesta di assoluzione. La sentenza può avere ripercussioni anche sulla madre delle inchieste su Rimborsopoli, quella che vede indagate 37 persone tra ex consiglieri regionali, imprenditori e professionisti. In attesa di sviluppi giudiziari su questo fronte, un primo effetto potrebbe essere a breve scadenza per il consigliere regionale ancora in carica, Francesco Mollica. C’è aria di sospensione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Potenza, una sedia speciale per Mario: così la scuola diventa «inclusiva»

Potenza, una sedia speciale per Mario: così la scuola diventa «inclusiva»

 
Mannaia sul personale alla Regione Basilicata: tagli per salvare il bilancio

Mannaia sul personale alla Regione Basilicata: tagli per salvare il bilancio

 
Picerno, torna in chiesa San Roccodipinto rubato e trovato ad Amalfi

Picerno, torna in chiesa San Rocco dipinto rubato e trovato ad Amalfi

 
Vietri, nasconde droga in autoscoperto dai Cc: arrestato

Vietri, nasconde droga in auto
scoperto dai Cc: arrestato

 
Vaccinazioni in Basilicata, 12 genitori denunciati: fioccano le irregolarità

Vaccinazioni in Basilicata, 12 genitori denunciati: fioccano le irregolarità

 
Potenza, proroga trasporti: il caso finisce alla Corte Conti

Potenza, proroga trasporti: il caso finisce alla Corte Conti

 
Terremoti, gli esperti di tutto il mondo si incontrano a Potenza

Terremoti, gli esperti di tutto il mondo si incontrano a Potenza

 
Agricoltura, pomodori danneggiati: chiesto stato di calamità

Agricoltura, pomodori danneggiati: chiesto stato di calamità

 

GDM.TV

Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: ecco che è cominciata la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese in hotel:
«Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 
Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 

PHOTONEWS