Giovedì 06 Agosto 2020 | 03:31

NEWS DALLA SEZIONE

L'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
SANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
In Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
INFRASTRUTTURE
Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

 
maltempo
Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

 
UNIVERSITÀ

Unibas, facoltà di Medicina: ora studiano gli aspiranti rettori

 
IL CASO

I familiari del centauro morto a Melfi: il manager Kawasaki va processato

 
Automobilismo
Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

 
la scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Tragedia
Vinovo, guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna e si toglie la vita

Guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna in Piemonte e si toglie la vita

 
L'INVENZIONE
Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraAllarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
BariIl caso
In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia 

In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia

 
PotenzaL'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
LecceIl caso
È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

 
FoggiaL'iniziativa
Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

 
BatIl caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 
HomeEroe per un giorno
Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 

i più letti

Giudice del lavoro illegittimi licenziamenti dei tre operai Fiat

POTENZA – Il giudice del lavoro (sezione Civile) del Tribunale di Potenza, Rosa Maria Verrastro, ha accolto il ricorso presentato dagli operai dello stabilimento di Melfi (Potenza) della Fiat – Giovanni Barozzino (ora senatore di Sel), Antonio Lamorte e Marco Pignatelli – sull'illegittimità dei licenziamenti avvenuti nel 2010
Giudice del lavoro illegittimi licenziamenti dei tre operai Fiat
POTENZA – Il giudice del lavoro (sezione Civile) del Tribunale di Potenza, Rosa Maria Verrastro, ha accolto il ricorso presentato dagli operai dello stabilimento di Melfi (Potenza) della Fiat – Giovanni Barozzino (ora senatore di Sel), Antonio Lamorte e Marco Pignatelli – sull'illegittimità dei licenziamenti avvenuti nel 2010. L'azienda torinese li aveva licenziati per "aver bloccato la produzione durante uno sciopero interno" nella notte tra il 6 e il 7 luglio 2010.

Un mese dopo il giudice giudicò antisindacale il comportamento della Fiat – in base ai ricorsi presentati dalla Fiom – reintegrando i tre operai (due dei quali erano delegati del sindacato).
Una successiva sentenza (del 2011) accolse invece il ricorso della Fiat, a cui seguì la decisione della Corte d’Appello, che ribaltò nuovamente la situazione dichiarando illegittimi i licenziamenti.

Dopo il reintegro definitivo deciso dalla sezione lavoro della Corte di Cassazione (nel 2013) sono stati i tre operai a presentare i ricorsi individuali sulla vicenda, sui quali si è espresso il giudice del lavoro, disponendo il pagamento delle indennità "commisurate alla retribuzione globale" da "calcolarsi dal giorno del recesso fino a quello di effettiva reintegra" e i contributi previdenziali.
"E' un’importante sentenza – ha detto in una nota il segretario lucano della Fiom, Emanuele De Nicola – che dimostra ancora di più la validità dell’articolo 18, che in questi giorni si sta tentando di cancellare, contro l’ingiustizia dei licenziamenti discriminatori che non possono essere barattati con i risarcimenti economici. La dignità del lavoro, prevista dalla nostra Costituzione, deve restare una battaglia di civiltà contro chi vuol confondere e dividere i lavoratori".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie