Martedì 26 Gennaio 2021 | 03:53

NEWS DALLA SEZIONE

maltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
L'emergenza
Potenza, ripresa scuola: «Rielaborare trasporto pubblico»

Potenza, ripresa scuola: «Rielaborare trasporto pubblico»

 
Nel lagonegrese
In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

 
«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
Il bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
Il caso
Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

 
Il caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
Il caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
Il caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
Il caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

Pertusillo inquinato L’Unione europea vuole vederci chiaro

di PINO PERCIANTE
POTENZA - Il caso Pertusillo approda a Bruxelles. L’Unione europea, infatti, vuole approfondire la questione sull’invaso artificiale, dopo una denuncia inviata dall’associazione ambientalista Mediterraneo No Triv. Il dossier dell’associazione, che riguarda non solo il lago del Pertusillo ma tutta la val d’Agri, è stato ritenuto utile e quindi la direzione generale ambiente della commissione europea ha chiesto, con un atto formale, chiarimenti e risposte al governo italiano
Pertusillo inquinato L’Unione europea vuole vederci chiaro
di PINO PERCIANTE

POTENZA - Pertusillo inquinato. Anzi no. Anzi forse. L’annoso mistero che avvolge lo stato di salute delle acque del lago di pietra ora approda anche a Bruxelles. L’Unione Europea, infatti, vuole approfondire la questione sull’invaso artificiale, dopo una denuncia inviata dall’associazione ambientalista Mediterraneo No Triv. Il dossier dell’associazione, che riguarda non solo il lago del Pertusillo ma tutta la val d’Agri, è stato ritenuto utile e quindi la direzione generale ambiente della commissione europea ha chiesto, con un atto formale, chiarimenti e risposte al governo italiano. In ballo ci sono il diritto alla salute, all’ambiente e alla sicurezza dei cittadini.

Il Pertusillo fornisce per il 60 per cento acqua alla Puglia e per la restante parte a Basilicata e Calabria. La denuncia dell’associazione Mediterraneo No Triv è scattata in seguito ad alcune analisi della professoressa Albina Colella che hanno documentato la presenza di idrocarburi nelle acque e nei sedimenti del Pertusillo. «Dallo studio condotto dalla professoressa Colella insieme con il professor Franco Ortolani sono emersi – spiega l’avvocato Giovanna Bellizzi che ha curato l’aspetto legale della denuncia - elementi di criticità sia in ordine allo stato delle acque del Pertusillo e in ordine alla situazione geologica del territorio, presumibilmente non compatibile con l’attività di ricerca degli idrocarburi. Ora il governo dovrà girare la richiesta di ragguagli alle autorità lucane».

Le risposte saranno decisive per il responso della comunità europea. «Ho evidenziato – sottolinea l’avvocato Bellizzi - le numerose violazioni della normativa comunitaria a partire dal mancato monitoraggio e dalla mancata realizzazione del piano delle acque sotterranee, a cui si aggiunge la mancata misurazione del punto zero. Ad oggi sappiamo che lo stato delle acque del Pertusillo potrebbe presentare elementi di criticità».
Ultima tappa di questa fase preliminare la possibile apertura di una procedura di infrazione, vale a dire la richiesta di una sanzione per gli stati dell’Unione europea responsabili di violazioni del diritto comunitario. «Ci auguriamo di ottenere l’avvio di una verifica sulle questioni segnalate, ma anche di sensibilizzare l’opinione pubblica su una vicenda di estrema importanza. In questi giorni – conclude l’avvocato Bellizzi - quasi tutti gli schieramenti politici hanno concentrato la loro attenzione sulle scarse ricadute economiche che il petrolio in Basilicata ha prodotto dimenticando che esistono altre voci dell’economia di tutto rilievo in Basilicata e nelle regioni vicine».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie