Domenica 17 Gennaio 2021 | 03:42

NEWS DALLA SEZIONE

zona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
dati regionali
Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2%

Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2% e trend in aumento

 
L'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al Piano regionale. Coldiretti: «C'è altro da fare»

 
sanità
Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

 
L'emergenza
Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%). Anci: «Nessuno conosce il piano»

 
la «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Difesa ambiente
No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

 
Il caso
Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

 
migranti
Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

 
acqua, soldi e lavoro
Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

Caso Elisa Claps Don Covino conferma la versione del vescovo

POTENZA - Ha confermato la versione del vescovo di Potenza, monsignor Agostino Superbo - sul ritrovamento dei resti di Elisa Claps, il 17 marzo 2010 nella chiesa della Santissima Trinità – don Cesare Covino, parroco della chiesa di San Rocco, nel corso dell’udienza del processo alle donne delle pulizie, accusate di falsa testimonianza
Caso Elisa Claps Don Covino conferma la versione del vescovo
POTENZA - L’ucraino e il cranio. Su questo equivoco (se di equivoco si tratta) aleggiano i dubbi della famiglia Claps in merito al ruolo del clero nella storia del ritrovamento del corpo della povera Elisa. Si è parlato anche di questo ieri durante l’udienza del processo alle donne delle pulizie della chiesa della Trinità, accusate di falsa testimonianza (secondo l’accusa avrebbero visto il cadavere prima del giorno del ritrovamento, il 17 marzo del 2010).
Ha sostanzialmente confermato la versione del vescovo di Potenza, monsignor Agostino Superbo don Cesare Covino, parroco della chiesa di San Rocco.

Don Covino – che ha spiegato di aver conosciuto Elisa all’inizio degli anni Novanta – il giorno del ritrovamento dei resti era insieme al presule, in viaggio verso Satriano di Lucania, quando i sacerdoti ricevettero la telefonata dal viceparroco della Trinità, don Wagno. Ascoltato per circa un’ora, Don Covino ha ripercorso quei giorni (fino al 19 marzo) quando don Wagno parlò con il parroco di San Rocco e con il vescovo, spiegando di aver visto il corpo di Elisa prima del 17 marzo: «Ci disse di aver visto un «ucraino», non riuscendo a pronunciare «cranio» nel suo italiano stentato», ha ricordato don Covino, ma solo il 19 marzo «scoprimmo che l’ucraino era in realtà un cranio» e «sbottammo, dicendo a Don Wagno di dire tutto alla Polizia», e anche nel precedente incontro, il 18 marzo, «il vescovo non aveva compreso l’accaduto».

All’inizio dell’udienza, la madre di Elisa, Filomena Iemma, ha parlato con don Covino, invocando la sua coscienza e invitandolo a dire tutta la verità su quanto è accaduto: «L'ho sempre fatto – ha risposto il prete – e lo farò anche oggi».
La prossima udienza si svolgerà il 26 settembre. «Stanno venendo fuori ulteriori incongruenze – ha però spiegato l'avvocato della famiglia Claps, Giuliana Scarpetta – e si continua a non dire la verità, ma noi riteniamo che il corpo di Elisa sia stato ritrovato anni prima, e da quel momento in poi si è cercato di farlo rinvenire, ma non da persone appartenenti alla Chiesa».

Insomma, la famiglia di Elisa continua a sostenere che il ritrovamento del corpo è stato una «messinscena». Tesi che «sposa» anche l’avvocato difensore delle due colf, Maria Bamundo, secondo cui le sue assistite, Annalisa Lo Vito e Margherita Santarsiero, sono soltanto un «capro espiatorio». A parere del legale «incastrando le testimonianze del vescovo, dei sacerdoti e degli operai che hanno scoperto il cadavere emergerà ciò che la famiglia Claps sostiene ormai da diverso tempo». Gildo, fratello di Elisa, tuona: «A questo punto le due donne delle pulizie imputate dicano chi è stato a mandarle nel sottotetto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie