Martedì 18 Settembre 2018 | 16:03

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Siti di Tito e Valbasento per la bonifica sprecati soldi e 10 anni di tempo

di PIERO MIOLLA
TITO - L’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) boccia l’attività di monitoraggio, studio e caratterizzazione sino ad ora effettuata a Tito e in Valbasento, i due siti di interesse nazionale. Tutto quanto è stato fatto in questi ultimi dieci anni è inutilizzabile. È il caso, ad esempio, degli interventi Mise e della bonifica delle acque di falda dell’area ex Liquichimica di Tito
Siti di Tito e Valbasento per la bonifica sprecati soldi e 10 anni di tempo
di PIERO MIOLLA

TITO - L’attività prodromica alla bonifica dei due Siti d’Interesse Nazionale lucani di Tito e Val Basento? Procede allo stesso ritmo di una tartaruga zoppa. Tanto emerge da una relazione che l’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) ha inviato a Regione Basilicata ed Arpab: il documento, titolato «Relazione preliminare su analisi dei dati esistenti e indagini per l’acquisizione dei dati necessari alla progettazione», ha l’obiettivo di «fare il punto sull’attuale situazione procedimentale nei due Sin, sulla scorta di informazioni e documentazione acquisite».

La relazione contiene una bocciatura di gran parte dell’attività sin qui svolta su acquisizione dati e caratterizzazione dei due Sin. Leggendo le 10 pagine di cui essa si compone, infatti, si apprende che, in larghissima parte, l’attività di monitoraggio, studio e caratterizzazione sino ad ora effettuata è inutilizzabile. E’ il caso degli interventi Mise e della bonifica delle acque di falda dell’area ex Liquichimica di Tito scalo, in merito alla quale «la rete piezometrica esistente all’interno dell’area», ha partorito dati che «sono stati ritenuti non attendibili a seguito di possibili fenomeni di contaminazione incrociata tra i diversi livelli acquiferi, causati dalla rete di monitoraggio regionale, ubicata nel Sin Tito, costituita da 56 piezometri regionali».

Risultato? «Le informazioni necessarie per la progettazione della bonifica della falda sono da acquisire». Stesso discorso per la bonifica dell’area fluviale del Sin di Tito, dove, «considerato il tempo trascorso dall’ultimo monitoraggio, è necessario attualizzare i dati chimici delle acque del torrente Tora con nuovi campionamenti delle acque superficiali». In Valbasento, per il completamento e la messa in sicurezza e bonifica delle acque di falda delle aree di competenza pubblica, «a dispetto dell’elevato numero di piezometri presenti (circa 450), la disponibilità dei dati acquisiti sulla qualità della falda presenta una forte disomogeneità, la mancanza di un monitoraggio unitario su tutta la rete peziometrica, di informazioni anagrafiche sui piezometri individuati e relative informazioni stratigrafiche; e di informazioni sull’esatta ubicazione e sull'attuale stato di conservazione dei peziometri.

È necessario aggiornare la conoscenza sullo stato qualitativo delle acque di falda con prelievi e analisi chimiche», da realizzarsi in 3 fasi: «Verifica piezometri esistenti, definizione rete monitoraggio e analisi, dismissione piezometri». Per il completamento e la caratterizzazione del Basento ed il completamento della progettazione degli interventi Mise e la bonifica delle acque, i dati disponibili riguardano solo un tratto del fiume ed è, quindi, «necessario acquisire informazioni sull’intero alveo ai fini della redazione del progetto». Conclusione? Per l’Ispra il materiale raccolto «ha consentito di esaminare una notevole mole di dati, ma la mancanza d’uniformità porta alla necessità di effettuare indagini integrative per avere basi più robuste per l’elaborazione del progetto preliminare». Tutto da rifare, dunque. Più di 10 anni sono trascorsi inutilmente? Ed i soldi della collettività chi lo dovrà restituire? Domande alle quali bisognerà dare una risposta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Agricoltura, pomodori danneggiati: chiesto stato di calamità

Agricoltura, pomodori danneggiati: chiesto stato di calamità

 
Potenza, ponti non antisismici: assolti i vertici Anas

Potenza, ponti non antisismici: assolti i vertici Anas

 
Potenza, tentata concussione: medici del lavoro Asp andranno a processo

Potenza, tentata concussione: medici del lavoro Asp andranno a processo

 
Uccide moglie e si ammazza«Lei era amante della poesia»

Uccide moglie e si ammazza
«Lei era amante della poesia»

 
Tajani agli Stati Generali di FI: «Il reddito di cittadinanza? Una sciocchezza»

Tajani agli Stati Generali di FI: «Il reddito di cittadinanza? Una sciocchezza»

 
Rivello, confermati 6 anni al prete pedofilo: adescava minori on line

Rivello, confermati 6 anni al prete pedofilo: adescava minori on line

 
Guardia giurata uccide la moglie di 30 anni e poi si ammazza

Guardia giurata uccide la moglie, ferisce la suocera e si ammazza

 

GDM.TV

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 
Bari, il raduno dei bikers:moto, birra e tanta musica IL VIDEO

Bari, il raduno dei bikers: moto,
birra e tanta musica fino a sera

 
Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

 
Pace fatta tra Emiliano e Nunziante, il governatore: «Grazie Tonino»

Pace fatta tra Emiliano e Nunziante, il governatore: «Grazie Tonino» VD

 

PHOTONEWS