Giovedì 21 Febbraio 2019 | 17:31

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

Lucani sempre più «strozzati» Don Cozzi: «Denunciate»

di ALESSANDRO BOCCIA
POTENZA - Non si arresta il fenomeno dell’usura in Basilicata. La conferma arriva anche dai dati contenuti nel rapporto «Usuropoli. Vittime e carnefici in un paese strozzato» della fondazione antiusura «Interesse uomo», presentato ieri mattina a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, dal presidente don Marcello Cozzi (nella foto)
Lucani sempre più «strozzati» Don Cozzi: «Denunciate»
di ALESSANDRO BOCCIA

POTENZA - Non si arresta il fenomeno dell’usura in Basilicata. La conferma arriva anche dai dati contenuti nel rapporto «Usuropoli. Vittime e carnefici in un paese strozzato» della fondazione antiusura «Interesse uomo», presentato ieri mattina a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, dal presidente don Marcello Cozzi. Per la Basilicata, si legge nel rapporto che riassume diciassette mesi di attività della fondazione sul territorio nazionale, e precisamente da agosto 2012 a dicembre 2013, sono state 163 le richieste per far fronte a casi di usura, di queste 92 hanno riguardato l’accesso al fondo antiusura, 28 le consulenze e 26 il credito etico. A chiedere aiuto alla fondazione sono stati in maggioranza imprenditori e piccoli commercianti, dai quali sono pervenute circa il 53% delle richieste, a questi sono seguiti i liberi professionisti.

A spingere sempre più persone a rivolgersi agli usurai è, nella maggior parte dei casi, il perdurare della situazione di crisi economica, per altri, invece, il denaro chiesto in prestito a strozzo è necessario per pagare debiti di gioco. Il rapporto evidenzia anche come sia cambiata l’usura negli ultimi anni, passando da fenomeno gestito da singoli parassiti a vere reti malavitose organizzate. Per via della grave crisi economica – ha spiegato don Cozzi, che è anche vicepresidente nazionale di Libera – i gruppi malavitosi sono gli unici a possedere liquidità di denaro. È necessario rimettere in moto la macchina dell’economia nazionale altrimenti offriremo sempre agli usurai occasioni d’o ro per continuare a mettere in ginocchio un numero sempre crescente di italiani».

Anche a livello nazionale i dati non sono incoraggianti: in totale sono state 1200 le persone che hanno chiesto di accedere alla linea di finanziamento (di cui 195 nei 17 mesi in esame e 164 nel solo 2013) e nel 77 per cento dei casi provengono dalle regioni del Sud. I finanziamenti sono stati chiesti per coprire sofferenze economiche di piccole imprese (61% dei casi) o per risolvere situazioni debitorie familiari (15%). «L'unico modo per contrastare l’usura – ha concluso don Cozzi – rimane la denuncia perchè è solo così che ci si libera davvero dal flagello. Attività di prevenzione sono importantissime, ma l’unica azione davvero risolutiva è la denuncia e noi siamo qui per accompagnare le persone in questo cammino di liberazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400