Sabato 27 Febbraio 2021 | 10:34

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Covid, i colori delle regioni: Basilicata è rossa, Puglia resta gialla. Teatri e cinema riaprono il 27/3

Covid, i colori delle regioni: Basilicata è rossa, Puglia resta gialla. Teatri e cinema riaprono il 27/3

 
Il virus
Covid, positivo il vescovo di Lagonegro ma sta bene

Covid, positivo il vescovo di Lagonegro ma sta bene

 
Il bollettino
Covid Basilicata, 90 positivi ( su 1.085 tamponi) e nessun decesso

Covid Basilicata, 90 positivi ( su 1.085 tamponi) e nessun decesso

 
L'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
Serie C
Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

 
Il caso
Potenza, furti nei supermercati: foglio di via per tre romeni

Potenza, furti nei supermercati: foglio di via per tre romeni

 
la richiesta
Basilicata, Bardi incontra Brunetta: «La Regione sia protagonista in vista del del Recovery fund»

Basilicata, Bardi incontra Brunetta: «La Regione sia protagonista in vista del del Recovery fund»

 
dati regionali
Covid in Basilicata, crescono contagi (+169) su 1386 test: nessun decesso, indice positività schizza al 12%

Covid in Basilicata, crescono contagi (+169) su 1386 test: nessun decesso, indice positività schizza al 12%

 
La decisione
Potenza, fiammate a Tempa Rossa: sanzioni alla Total per 30 mila euro

Potenza, fiammate a Tempa Rossa: 30mila euro di multa a Total

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariNel barese
In trasferta dalla Sicilia a Monopoli per molestare showgirl: divieto di dimora in Puglia per un fan ossessionato

In trasferta dalla Sicilia a Monopoli per molestare showgirl: divieto di dimora in Puglia per un fan ossessionato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
FoggiaCoronavirus
Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

 
LecceSi indaga
Lecce, rogo nel parcheggio dell'ospedale: a fuoco archivi cartelle cliniche 2018-19

Lecce, rogo nel parcheggio dell'ospedale: a fuoco archivi cartelle cliniche 2018-19

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
TarantoIl siderurgico
Mittal al sindaco di Taranto: bisogna attendere l'esito del Consiglio di Stato

Taranto, Mittal al sindaco: su spegnimento impianti, attendere Consiglio di Stato. Melucci: «Minacce da no comment»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

il giallo

Potenza, morta in casa sepolta da rifiuti ed escrementi: è mistero

La donna aveva 51 anni. Il marito ai conoscenti in giro rispondeva che la donna non voleva uscire

Potenza, morta in casa sepolta da rifiuti ed escrementi: è mistero

È una triste storia contornata da tanti interrogativi. Una vita spezzata nel degrado, nell’abbandono, nel mistero: una 51enne, Marinunzia Garofalo, originaria del Salernitano, è stata trovata agonizzante nel suo appartamento in via Vaccaro, a Potenza. Immobilizzata a letto, pare a causa di una fattura al femore (sarà l’autopsia ad accertarlo), circondata, anzi sommersa da rifiuti ed escrementi. Di fronte ai vigili del fuoco, intervenuti sul posto si è presentata una scena raccapricciante, con l’immondizia che ha invaso l’intero alloggio. Un quantitativo di spazzatura che appare incompatibile con quella prodotta da una singola casa anche per un tempo piuttosto lungo. Trasportata in ospedale, Marinunzia è deceduta domenica scorsa.
Sulla vicenda la Procura di Potenza ha aperto un fascicolo acquisendo la relazione degli agenti dell’Ufficio Prevenzione e soccorso della Questura di Potenza.

Dicevamo dei tanti interrogativi. Dalle prime ricostruzioni dell’accaduto sembra che sia stato il marito a chiamare il 118. Ma lo ha fatto quando lo stato di salute della moglie era già compromessa. Perché ha allertato i soccorsi solo ora? Possibile che non si sia accorto prima delle condizioni critiche in cui versava la donna? E poi tutta quella immondizia: se anche fosse di origine domestica (la mole è esagerata), perché disseminarla nell’appartamento invece di portarla nei cassonetti in strada?
Non è chiaro - neppure i vicini di casa sono in grado di dirlo - se i due vivessero insieme. Dalle testimonianze raccolte veniamo a conoscenza di un matrimonio che soprattutto negli ultimi tempi sarebbe stato costellato da litigi anche furiosi. E che il rapporto della donna con la famiglia del marito non erano idilliaci.

Inoltre alcune conoscenti di Marinunzia avrebbero più volte incontrato l’uomo chiedendogli come mai non si vedesse più in giro con la moglie: «Sta bene, ha solo freddo e non vuole uscire», «nessun problema», «si stanca a camminare, preferisce riposare». Giustificazioni che si sarebbero succedute a ogni domanda sulla «scomparsa» della donna. Una delle sue amiche più affezionate, commerciante della zona, messaggiava con lei, attraverso un sms, tutti i giorni anche solo per un saluto, ma da diverse settimane non riceveva risposte. L’unica parente di Marinunzia, una cugina di Salerno, l’avrebbe cercata più volte sul telefonino senza ricevere risposta. E quando ha deciso di rivolgersi al marito, quest’ultimo l’avrebbe rassicurata. Anche in questo caso sorge spontanea la domanda: ma nessuno ha pensato di andare a bussare a casa di Marinunzia considerato il suo perdurante silenzio?

Il contesto della tragedia è di quelli che, generalmente, si associano a stati di indigenza, ma non è questo il caso. La donna, figlia unica di una famiglia benestante, vestiva bene, indossava pellicce, gioielli e una volta alla settimana si recava dal parrucchiere per la messa in piega e il colore. Il marito, erede di una famiglia di commercianti del capoluogo, accuserebbe qualche problema dal punto di vista economico dopo la chiusura di uno storico punto vendita in città, ma nulla a che vedere con situazioni di povertà.
Sepolta dai rifiuti e dagli interrogativi. Sul caso di Marinunzia chi la conosceva invoca verità. E non accetta un triste epilogo che sembra non avere alcuna spiegazione plausibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie