Mercoledì 19 Febbraio 2020 | 08:16

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Petrolio lucano, incidente a Tempa Rossa: si tratta di malfunzionamento

Petrolio lucano, incidente a Tempa Rossa: si tratta di malfunzionamento

 
L'inventore
C’è un robot lucano che elimina le zanzare: «Forse la tecnologia servirà per la Xylella»

C’è un robot lucano che elimina le zanzare: «Forse la tecnologia servirà per la Xylella»

 
Il caso
Basilicata, gli hacker di Anonymous attaccano i siti di Regione e Comune per dire no al petrolio

Basilicata, Anonymous attacca i siti di Regione e Comune per dire no al petrolio

 
L'inchiesta
Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

 
Inquinamento
Potenza, schiuma bianca nel Basento: forse sono detersivi

Potenza, schiuma bianca nel Basento: forse sono detersivi

 
SPORT
Potenza città dello sport 2021: la famiglia D'Onofrio con il karate nelle vene

Potenza città dello sport 2021: la famiglia D'Onofrio con il karate nelle vene

 
I vigili del fuoco
Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

 
enti sub-regionali
Ricorso al Tar Basilicata contro la nomina dell'amministratore Egrib

Ricorso al Tar Basilicata contro la nomina dell'amministratore Egrib

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Ciofani: «Bisogna cambiare passo per vincere tutte le partite»

Bari calcio, Ciofani: «Bisogna cambiare passo per vincere tutte le partite»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl salvataggio
Molfetta, «Caretta-Caretta» agonizzante in uliveto: lontana 4 Km dal mare

Barletta, trovata «caretta-caretta» agonizzante in campagna: affidata al Wwf

 
FoggiaL'aggressione
Apricena, commerciante rapinato e ferito mentre va in banca

Apricena, commerciante rapinato e ferito mentre va in banca

 
BariL'inaugurazione
Spazio, la barese Sitael apre sede in Australia: costruirà satelliti

Spazio, la barese Sitael apre sede in Australia: costruirà satelliti

 
TarantoLa sentenza d'appello
Taranto e bilanci fasulli, ex sindaco non dovrà risarcire Comune

Taranto e bilanci fasulli, ex sindaco Di Bello non dovrà risarcire Comune

 
LecceIl caso
L'orologio funziona, ma il cuore no: leccese «salvato» da smartwatch

L'orologio funziona, ma il cuore no: leccese «salvato» da smartwatch

 
PotenzaIl caso
Petrolio lucano, incidente a Tempa Rossa: si tratta di malfunzionamento

Petrolio lucano, incidente a Tempa Rossa: si tratta di malfunzionamento

 
MateraL'inchiesta
Sanitopoli lucana, ex governatore Marcello Pittella rinviato a giudizio

Sanitopoli lucana, a giudizio ex governatore Pittella: con lui anche ex dg Asl Bari

 
BrindisiIl caso
Francavilla Fontana, col trattore rubato non si ferma all’alt

Francavilla Fontana, col trattore rubato non si ferma all’alt

 

i più letti

nel Potentino

Melfi, 7 anni in Tribunale per riscuotere la vincita alla slot: avrà 500mila euro

L'odissea di un pensionato di Melfi: secondo la società di scommesse ci fu una falla nel sistema

Melfi, 7 anni in Tribunale per riscuotere la vincita alla slot: avrà 500mila euro

Sono trascorsi sette anni e sei mesi da quel sogno milionario, per qualche attimo diventato anche realtà, per poi svanire nel nulla, come una bolla di sapone che scoppia.

Ecco la storia. Michele Lovaglio, oggi 72enne e pensionato, originario di Melfi ma a Potenza da una vita ha gestito con un familiare una pasticceria in piazza Sedile, non è mai stato un habituè di giochi ai videopoker.

Frequentava, questo sì, una sala giochi, nel caso in esame la Snai di via Di Giura nel capoluogo, ma per tentare la sorte alle scommesse sportive sulla gare dei campionati di calcio.

Un bel giorno, era il 16 aprile del 2012, alle 15 circa del pomeriggio, Michele raggiunge la Snai per fare una «scommessina». Un amico che si trova all’interno del locale gli sfila letteralmente di mano una banconota da cinque euro e la infila per giocare nell’unica slot libera (altre otto erano occupate da altrettanti giocatori). Di lì a poco Michele non crede ai suoi occhi. Solo dopo un paio di giocate si materializza il sogno di ogni giocatore. Sullo schermo luminoso appare la scritta «Jackpot» che indica la vincita di ben 10 milioni di euro. Anche con tanto di scontrino vincente.

Facilmente intuibile lo stato d’animo e la gioia di Michele che non sta nella pelle nell’attesa dell’arrivo del gestore della Snai per chiedere lumi su come incassare la super vincita. Da aggiungere che quel giorno, più o meno alla stessa ora, ci furono una decina di vincite di quel tenore in tutta Italia. La Snai parlò di «una falla nel sistema informatico», per cui la vincita non poteva essere ritirata. Michele smaltita l’immediata delusione in tutti questi anni non si è dato per vinto. «Ma come - sostiene - se un giocatore perde, perde e basta e i soldi nessuno te li ridà indietro, perché in caso di vincita non può ottenere il premio? Questa è una vera e propria truffa».

Da quell’ormai lontano 2012 Michele ha pure avviato una battaglia legale rivolgendosi ad un avvocato per la tutela dei suoi diritti. A breve, secondo quanto segnalato dallo stesso cittadino, in tribunale se ne saprà di più. Abbiamo anche ascoltato l’avvocato Dino Bellettieri, attuale consigliere regionale: «Il Ctu (Consulente tecnico d’ufficio n.d.r.) - dice il legale - ha depositato la consulenza, ma non è detto che il giudice si esprima».

Ma sono davvero 10 milioni di euro? «La somma esigibile - precisa Bellettieri - raggiunge un massimo di 500 mila euro».

Insomma la storia sembra andare ancora per le lunghe e il signor Michele dovrà ancora aspettare prima di poter (almeno così spera) mettere le mani sui soldoni. Sarebbero nettamente di meno rispetto a quelli che prevedeva la vincita, ma comunque un bel gruzzoletto da poter garantire serenità al resto della famiglia. «Sono stato truffato - tuona ancora oggi Michele - e quei soldi mi spettano perché ho vinto. Non avrò pace fino a quando non mi daranno ciò che devo avere per diritto». Sperando che l’epilogo sia diverso da quello dal commerciante ambulante di Martina Franca, Martino Scialpi, che nel 1981 azzeccò il 13 al Totocalcio. È deceduto proprio a un passo dal traguardo: al termine di un lungo contenzioso il Coni stava per cedere. Ma è passato a miglior vita senza vedere un soldo della sua schedina vincente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie