Venerdì 18 Ottobre 2019 | 08:59

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta alla droga
Venosa, scoperta maxi piantagione di 11mila piante di canapa indiana: 5 arresti

Venosa, scoperta maxi piantagione di 11mila piante di canapa indiana: 5 arresti

 
L'incontro
Tempa Rossa, Regione Basilicata verso l'accordo con Total

Tempa Rossa, Regione Basilicata verso l'accordo con Total

 
L'inchiesta
Potenza, 3 ordinanze per dossieraggio e corruzione: in manette l'avvocato De Bonis

Potenza, corruzione e mazzette: 3 arresti, anche un noto avvocato.
«Generale voleva spiare Bardi»

 
L'anniversario
Fca festeggia i 25 anni impianto di Melfi: è tra i più innovativi al mondo

Fca festeggia i 25 anni impianto di Melfi: è tra i più innovativi al mondo

 
in ospedale
Lagonegro, parto naturale dopo un cesareo: la tecnica all'Ospedale

Lagonegro, parto naturale dopo un cesareo: la tecnica al San Giovanni

 
I dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 
nel Potentino
Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

 
terza e quarta età
Basilicata, poche case di riposo: mancano i posti letto per gli anziani

Basilicata, poche case di riposo: mancano i posti letto per gli anziani

 
La decisione
Potenza, truffe Inps: Riesame revoca 5 arresti domiciliari

Potenza, truffe Inps: Riesame revoca 5 arresti domiciliari

 
l'indagine
Basilicata, minori maltrattati: dato in calo rispetto al 2017

Basilicata, minori maltrattati: dato in calo rispetto al 2017

 
L'inchiesta
Da Torino a Potenza, chiuse indagini su Pasquaretta, ex portavoce sindaco Appendino

Da Torino a Potenza, chiuse indagini su Pasquaretta, ex portavoce sindaco Appendino

 

Il Biancorosso

Domenica
Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLotta alla droga
Venosa, scoperta maxi piantagione di 11mila piante di canapa indiana: 5 arresti

Venosa, scoperta maxi piantagione di 11mila piante di canapa indiana: 5 arresti

 
LecceI soccorsi
Migranti, in arrivo 80 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

Migranti, in arrivo 50 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

 
MateraL'iniziativa
Matera 2019, la capitale è anche il «Paese della cuccagna»

Matera 2019, la capitale è anche il «Paese della cuccagna»

 
FoggiaLa decisione
Strage in famiglia a Orta Nova: funerale unico per tutti

Strage in famiglia a Orta Nova: funerale unico per tutti

 
BariLa causa civile
Bari, bimba morì all'Ospedaletto: in sala operatoria mancava il termometro

Bari, bimba morì all'Ospedaletto: in sala operatoria mancava il termometro

 
TarantoLunedì
Taranto, ministro Fioramonti a inaugurazione anno scolastico

Taranto, ministro Fioramonti a inaugurazione anno scolastico

 
BrindisiLe indagini
Brindisi, una fucilata tra i bambini prima del delitto Carvone: altri due arresti

Brindisi, una fucilata tra i bambini prima del delitto Carvone: altri due arresti

 

i più letti

criminalità

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

Caso di estorsione aggravata per Martorano (14 anni) e Stefanutti (12)

Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

POTENZA - Il nome di «iena 2» che era stato dato all’operazione faceva paura, ma ancor più faceva paura lo scenario che veniva descritto a fondamento d i quei 51 arresti: un intreccio tra mafia, affari e politica in Basilicata, con decine di persone coinvolte in decine di traffici reati e un'associazione di tipo mafioso al centro.
Quasi 15 anni dopo quegli arresti che fecero parlare l’Italia, al primo confronto con l’esame di un giudicante, il Tribunale di Potenza ha condannato solo due persone delle 27 che, nel frattempo, non erano già stata escluse dal processo e per un solo singolo caso di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Quattordici anni di reclusione per Renato Martorano (difeso dagli avvocati Pasquale Bartolo e Vincenzo Falotico) e 12 per Dorino Stefanutti (avv. Maria Rita Di Ciommo) ritenuti responsabili di un’estorsione col metodo mafioso attuata con minacce, violenze e pressioni psicologiche nei confronti dell’imprenditore Quirino Guarino per ottener il pagamento della prima rata di un prestito usurario da 30mila euro.
Per il resto tutti assolti, la maggior parte «perché il fatto non sussiste», mentre altri per prescrizione, mentre anche l'ipotizzata associazione a delinquere (che pure non ha portato ad alcuna condanna) vede mutare la propria natura da associazione mafiosa ad associazione semplice, con la conseguenza della notevole riduzione dei tempi di i prescrizione che ha chiuso questa partita anche per gli stessi Martorano e Stefanutti oltre che per Giovanni Quaratino (avv. Gaetano Basile e Giuseppe Cesarano), Pio Albano (avv. Basile), Antonino Garramone (avv. Leonardo Pace e Savino Murro) e Carmine Garramone (avv. Donatello Cimadomo e Leonardo Pace).

Associazione a delinquere da cui sono stati invece prosciolti nel merito (per non aver commesso il fatto) Luigi Postiglione (avv. Leo Chiriaco e Pace), Saverio Postiglione (avv. Luigi Angelucci) Francesco Damiano (avv. Chiriaco) Romeo Felitti e Rocco Lapelosa (entrambi difesi dall’avv. Gaetano Basile). Nel merito (il fatto non sussiste) sono stati assolti da singole ipotesi di reato oltre ai già citati Martorano, Albano, Quaratino e Luigi Postiglione anche Carmine Giuseppe Guerino Guarino (avv. Giuseppe Giuratrabocchetta), Nicola Coluzzi (avv. Rosanna Coluzzi e Leonardo Pace) Massimiliano Galasso (avv. Basile), Rocco Pace (avv. Pace) Vito Zaccagnino (avv. Salomone Bevilacqua e Mario Marinelli), Vito Postiglione (avv. Chiriaco e Pace), Giovanna Brienza (avv. Angela Pignatari e Antonello Madeo), Vito Antonio Mecca, Giovanni Bollettino (avv. Chiriaco), Raffaele Somma (avv. Giuseppe Pergola), Nicola Giordano (avv. Angelucci), Canio Carlucci (avv. Matteucci) e Caterina Anna Gerardi (avv. Basile).

Processo chiuso per prescrizione, invece, per l’ex presidente della camera di commercio di Potenza ed ex deputato Lillino Lamorte, il suo segretario Mario Cutro, il dirigente del Crob Gianvito Amendola (tutti e tre difesi dall’avv. Leonardo Pace) e, per una delle accuse (per le altre c’è stata assoluzione nel merito), Giovanni Quaratino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie