Lunedì 19 Agosto 2019 | 12:43

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Potenza, lavori al carcere: chi è in arresto deve «emigrare»

Potenza, lavori al carcere: chi è in arresto deve «emigrare»

 
A San Nicola di Melfi
Volevano bruciare le erbacce: incenerita un’azienda lucana

Volevano bruciare le erbacce: incenerita un’azienda lucana

 
Il caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
All'ospedale San Carlo
Cc morto nel Potentino dopo incidente stradale, donati gli organi

Cc morto nel Potentino dopo incidente stradale, donati gli organi

 
Enti sub regionali
Basilicata, via al valzer delle poltrone: impazza il totonomine

Basilicata, via al valzer delle poltrone: impazza il totonomine

 
Incidente stradale
Altamura, cade a causa della pioggia: morto motociclista di 39 anni

Altamura, cade a causa della pioggia: morto motociclista di 39 anni

 
l'Elephas antiquus
Venosa, rubano un osso di elefante preistorico: è caccia al ladro

Venosa, rubano un osso di elefante preistorico: è caccia al ladro

 
Salute
Potenza, riparte la guerra sulla radioterapia «Via dal S. Carlo per salvare il Crob»

Potenza, riparte la guerra sulla radioterapia «Via dal S. Carlo per salvare il Crob»

 
Il caso
Fiumicello di Maratea, depuratore rotto e acqua marrone, Bardi: «Vigileremo»

Fiumicello di Maratea, depuratore rotto e acqua marrone, Bardi: «Vigileremo»

 
Regione
Autonomia, i conti non tornano: la Basilicata perde 113 milioni

Autonomia, i conti non tornano: la Basilicata perde 113 milioni

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariviabilità
L'allarme dell'ass. Giannini: «Bari rischia di perdere i fondi per la 16»

L'allarme dell'ass. Giannini: «Bari rischia di perdere i fondi per la 16»

 
BatIl furto
Barletta, ruba monete dalla cassetta delle offerte: arrestato

Barletta, ruba monete in chiesa dalla cassetta delle offerte: arrestato

 
MateraI dati del Sole 24 ore
Tempo libero, maglia nera per la Basilicata: in fondo alla classifica Matera e Potenza

Tempo libero, maglia nera per la Basilicata: in fondo alla classifica Matera e Potenza

 
FoggiaNel paesino Foggiano
Roseto Valfortore, il sindaco: «Cercasi disperatamente segretario comunale»

«AAA cercasi disperatamente segretario comunale a Roseto Valfortore»

 
TarantoL'arresto
Statte, ladro sfortunato: entra in due case ma viene beccato dai proprietari

Statte, ladro sfortunato: entra in due case ma viene beccato dai proprietari

 
PotenzaIl caso
Potenza, lavori al carcere: chi è in arresto deve «emigrare»

Potenza, lavori al carcere: chi è in arresto deve «emigrare»

 
LecceIl Blitz
Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

 
BrindisiAtti vandalici
Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

 

i più letti

criminalità

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

Caso di estorsione aggravata per Martorano (14 anni) e Stefanutti (12)

Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

POTENZA - Il nome di «iena 2» che era stato dato all’operazione faceva paura, ma ancor più faceva paura lo scenario che veniva descritto a fondamento d i quei 51 arresti: un intreccio tra mafia, affari e politica in Basilicata, con decine di persone coinvolte in decine di traffici reati e un'associazione di tipo mafioso al centro.
Quasi 15 anni dopo quegli arresti che fecero parlare l’Italia, al primo confronto con l’esame di un giudicante, il Tribunale di Potenza ha condannato solo due persone delle 27 che, nel frattempo, non erano già stata escluse dal processo e per un solo singolo caso di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Quattordici anni di reclusione per Renato Martorano (difeso dagli avvocati Pasquale Bartolo e Vincenzo Falotico) e 12 per Dorino Stefanutti (avv. Maria Rita Di Ciommo) ritenuti responsabili di un’estorsione col metodo mafioso attuata con minacce, violenze e pressioni psicologiche nei confronti dell’imprenditore Quirino Guarino per ottener il pagamento della prima rata di un prestito usurario da 30mila euro.
Per il resto tutti assolti, la maggior parte «perché il fatto non sussiste», mentre altri per prescrizione, mentre anche l'ipotizzata associazione a delinquere (che pure non ha portato ad alcuna condanna) vede mutare la propria natura da associazione mafiosa ad associazione semplice, con la conseguenza della notevole riduzione dei tempi di i prescrizione che ha chiuso questa partita anche per gli stessi Martorano e Stefanutti oltre che per Giovanni Quaratino (avv. Gaetano Basile e Giuseppe Cesarano), Pio Albano (avv. Basile), Antonino Garramone (avv. Leonardo Pace e Savino Murro) e Carmine Garramone (avv. Donatello Cimadomo e Leonardo Pace).

Associazione a delinquere da cui sono stati invece prosciolti nel merito (per non aver commesso il fatto) Luigi Postiglione (avv. Leo Chiriaco e Pace), Saverio Postiglione (avv. Luigi Angelucci) Francesco Damiano (avv. Chiriaco) Romeo Felitti e Rocco Lapelosa (entrambi difesi dall’avv. Gaetano Basile). Nel merito (il fatto non sussiste) sono stati assolti da singole ipotesi di reato oltre ai già citati Martorano, Albano, Quaratino e Luigi Postiglione anche Carmine Giuseppe Guerino Guarino (avv. Giuseppe Giuratrabocchetta), Nicola Coluzzi (avv. Rosanna Coluzzi e Leonardo Pace) Massimiliano Galasso (avv. Basile), Rocco Pace (avv. Pace) Vito Zaccagnino (avv. Salomone Bevilacqua e Mario Marinelli), Vito Postiglione (avv. Chiriaco e Pace), Giovanna Brienza (avv. Angela Pignatari e Antonello Madeo), Vito Antonio Mecca, Giovanni Bollettino (avv. Chiriaco), Raffaele Somma (avv. Giuseppe Pergola), Nicola Giordano (avv. Angelucci), Canio Carlucci (avv. Matteucci) e Caterina Anna Gerardi (avv. Basile).

Processo chiuso per prescrizione, invece, per l’ex presidente della camera di commercio di Potenza ed ex deputato Lillino Lamorte, il suo segretario Mario Cutro, il dirigente del Crob Gianvito Amendola (tutti e tre difesi dall’avv. Leonardo Pace) e, per una delle accuse (per le altre c’è stata assoluzione nel merito), Giovanni Quaratino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie