Lunedì 27 Maggio 2019 | 11:02

NEWS DALLA SEZIONE

Controlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
Arrestato dai Cc
Melfi, era ai domiciliari ma spacciava: in cella 24enne

Melfi, era ai domiciliari ma spacciava: in cella 24enne

 
Auto e motori
Melgi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

Melfi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

 
Dai Carabinieri
Tenta estorsione a imprenditore: arrestato 46enne a Maratea

Tenta estorsione a imprenditore: arrestato 46enne a Maratea

 
Statale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
nel potentino
Avigliano: famiglia adotta 3 bambini, 2 sono disabili

Avigliano: famiglia adotta 3 bambini, 2 sono disabili

 
L'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
Comando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
A ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne

 
Il caso
Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

 
Il caso
Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoI dati nel tarantino
Europee, M5S giù di 20 punti ma restano primi: nessun effetto Ilva

Europee, M5S giù di 20 punti ma restano primi: nessun effetto Ilva

 
FoggiaI dati
Europee, nei paesi foggiani del Premier Conte vince il M5S

Foggia, M5S vince nei paesi del Premier. Lega, effetto vacanze di Salvini

 
BariScrutini dopo le 14
Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

L'indagine

Rionero, spaccio di droga tra gli studenti: indagati tre ragazzi

Si tratta di due 17enne e un neo maggiorenne

carabinieri

POTENZA - La droga era venduta davanti alle scuole, in locali frequentati dai giovanissimi, tra bar e pub. I Carabinieri della stazione di Rionero, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Potenza, nella persona del sostituto Carmine Olivieri, hanno portato a termine un’indagine finalizzata al contrasto del traffico di stupefacenti tra i ragazzi del Vulture-Melfese. Tre le misure cautelari personali, emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale per i Minorenni di Potenza, Giuseppe Santomassimo, a carico di due diciassettenni ed un neo maggiorenne, tutti di Rionero, i quali sono ritenuti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I tre sono stati allontanati e collocati in una comunità per minorenni della Basilicata. L’operazione di servizio, denominata «Briciole» - per le modalità operative adottate dai «pusher» che erano soliti vendere «hashish» o «marijuana» in piccole dosi da 0,5/1,00 grammo, a fronte di corrispettivi variabili dai 10 ai 15 euro - nasce da un’intensa attività informativa, sviluppata nei primi mesi dell’anno, che ha portato alla luce l’esistenza di un consolidato sistema tra gli studenti delle locali scuole superiori, i quali, in gran parte, si rifornivano proprio dai tre ragazzi. Le investigazioni hanno consentito di ricostruire il modus operandi ed accertare centinaia di cessioni di droga, operate dal gruppo, tra aprile e settembre scorsi. In questo lasso di tempo i tre indagati hanno dato vita ad un’articolata attività di spaccio creando una «fidata rete di clienti», in costante espansione ed in buona parte costituita da minorenni.

Nonostante la giovane età, i tre - secondo i risultati delle indagini - sono stati in grado di agire con sorprendente disinvoltura e spregiudicatezza in tale ambiente criminale, «trattando» con più fornitori ed adottando «accortezze operative» finalizzate ad eludere eventuali controlli, ricorrendo sovente ad un linguaggio criptico nelle conversazioni telefoniche e durante il trasporto di piccoli quantitativi di droga. Nel corso dell’indagine è stato effettuato l’arresto in flagranza di reato di una persona e sono stati segnalati alla Prefettura di Potenza 11 giovani assuntori di stupefacente per uso personale. Sono stati recuperati e sequestrati oltre 120 grammi di hashish e marijuana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400