Venerdì 19 Aprile 2019 | 16:46

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
A potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 
Parco del Pollino
Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

 
Stalking
Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

 
La terra trema
Paura nella notte nel Potentino: scossa di terremoto di magnitudo 2.9

Paura nella notte nel Potentino: scossa di terremoto di magnitudo 2.9

 
Neo governatore
Regione Basilicata, arriva l'insediamento di Bari

Basilicata, Bardi insediato: è presidente della Regione

 
Sentenza
Potenza, abusò di minori in casa famiglia e clinica: condannato a 9 anni

Potenza, abusò di minori in casa famiglia e clinica: condannato a 9 anni

 
Il punto
Basilicata, 10 comuni ad alto rischio Radon

Basilicata, 10 comuni ad alto rischio Radon

 
Nel Potentino
Avigliano, principio d'incendio su scuolabus, salvi alunni

Avigliano, principio d'incendio su scuolabus, salvi alunni

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
BariLa scomparsa
Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
LecceVerso il voto
«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

 
FoggiaAccoglienza
Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Ambiente & Salute

I tumori sono in aumento
pur con dati vecchi 3 anni

Il monitoraggio delle neoplasie Registro fermo al 2014. Il Crob che lo redige: «I più aggiornati»

I tumori sono in aumento pur con dati vecchi 3 anni

PIERO MIOLLA

Nonostante le numerose emergenze ambientali e gli allarmi da più parti lanciati sullo stato della salute dei lucani, la Basilicata continua a scontare ritardi in merito al registro tumori. Che risulta essere aggiornato al 2014 (i cui dati sono stati pubblicati a dicembre 2017). Il registro generale di tutti i tumori maligni (questo è, in buona sostanza, il registro tumori) è tenuto sulla base della popolazione regionale e la sua attività, così come definita a livello nazionale e internazionale, si basa sulla ricerca attiva dei casi attraverso fonti primarie e secondarie ben definite e verificate.

Il registro raggiunge adeguati livelli di completezza e precisione grazie all’utilizzazione di alcuni strumenti, quali le schede di dimissione ospedaliere, gli archivi di anatomia, istologia e citologia patologica, quelli archivi di mortalità e le cartelle cliniche, che risultano pertanto fondamentali non solo per la sua tenuta, quanto, soprattutto, per la sua veridicità. Ma cosa dicono gli ultimi dati pubblicati? Che le patologie tumorali tra gli uomini sono aumentate dalle 1.639 del 2005 alle 1.801 del 2014, così come tra le donne sono passate dalle 1.210 del 2005 alle 1.516.

In buona sostanza, in Basilicata il tasso di incidenza su centomila abitanti è aumentato dall’iniziale 412,1 del 2005 al 426,1 tra i maschi e, dal 291,5 del 2005 al 347,9 del 2014, tra le donne. Scendendo ancora più nel dettaglio, per i maschi le patologie tumorali più frequenti sono risultate essere quelle alla pelle (non melanomi), con 417 casi, alla prostata (286), alla vescica (209), al polmone (195), al colon (189) e allo stomaco (104). Per le donne, invece, quelle alla mammella (402), alla pelle (non melanoma: 314), al colon (144), tiroide (96), encefalo (81), utero (76).

Peccato che siffatto registro, come anticipato, sia aggiornato al 2014: sul sito del Crob di Rionero in Vulture, infatti, l’ultimo aggiornamento è stato pubblicato il 18 dicembre del 2017 e si riferisce, appunto, ai dati di incidenza tumorale dell’anno 2014. Nella stessa data, inoltre, sono state pubblicate anche le tabelle e i grafici di riepilogo. Nonostante i dati siano aggiornati al 2014, però, in occasione della pubblicazione degli ultimi dati, si leggeva: «Questo ulteriore aggiornamento, a sette mesi dall’ultimo in cui sono stati pubblicati i dati 2013, conferma il Registro Tumori di Basilicata tra i più aggiornati a livello nazionale accreditati dall’Airtum». Sia come sia, l’iniziativa di Silvana Arbia, che, proprio partendo da questo ritardo nella tenuta del registro, ha proposto la creazione di un comitato di tutela per la salute dei cittadini lucani, dimostra che il tema è sentito, e non potrebbe essere diversamente. Gli allarmi lanciati, anche a più riprese, da parte praticamente di chiunque non possono e non devono rimanere inascoltati. La speranza, l’auspicio, è che in questa regione dalle tante risorse e dalle altrettante problematiche connesse alla salute, si trovi finalmente la quadratura del cerchio per sopperire allo strapotere dei predoni dell’ambiente, che, ad iniziare dall’industrializzazione selvaggia degli anni ‘60 e ‘70, hanno trasformato la nostra regione in una zona non più «isola felice».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400