Sabato 16 Gennaio 2021 | 22:04

NEWS DALLA SEZIONE

zona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
dati regionali
Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2%

Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2% e trend in aumento

 
L'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al Piano regionale. Coldiretti: «C'è altro da fare»

 
sanità
Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

 
L'emergenza
Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%). Anci: «Nessuno conosce il piano»

 
la «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Difesa ambiente
No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

 
Il caso
Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

 
migranti
Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

 
acqua, soldi e lavoro
Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

i più letti

Il caso

Basilicata, stillicidio dei derivati: la Regione ha perso 1,5 milioni in sei mesi

Per effetto dei contratti in derivati, una scommessa finanziaria ad altissimo rischio che sta dissanguando i conti di via Verrastro, con un esborso netto a carico delle casse regionali di oltre 45,5 milioni di euro.

Regione Basilicata  problemi per gli stipendi

POTENZA - L’emorragia continua. Nonostante le denunce, i convegni, le analisi. Ammonta a 1 milione e 488mila euro la nuova perdita fatta registrare dalla Regione Basilicatanei primi sei mesi di quest’anno per effetto dei contratti in derivati, una scommessa finanziaria ad altissimo rischio che sta dissanguando i conti di via Verrastro, con un esborso netto a carico delle casse regionali di oltre 45,5 milioni di euro.

I conti li ha fatti il consigliere regionale Michele Napoli sulla base delle risultanze dei flussi differenziali, vale a dire la differenza tra quanto la Regione paga alle banche Dexia Crediop Spa e Ubs Investment Bank e quanto riceve da questi due istituti di credito per i derivati sottoscritti nel 2006 e a tutt’oggi in essere. «Nati con la finalità di assicurare le casse dello Stato e degli enti locali dal rischio di innalzamento eccessivo dei tassi di interesse - prosegue Napoli - i derivati lucani assomigliano molto più a una scommessa che a una polizza assicurativa e stanno letteralmente mandando a gambe levate i conti pubblici regionali, con numeri pesanti per una regione, la Basilicata, che fa fatica a garantire i diritti dei meno abbienti e di quanti sono affetti da disabilità. Per dirla tutta - spiega Napoli - nel 2006 la Basilicata firmò i contratti in derivati alla cieca, cioè senza far precedere la stipula di questi contratti da idonea attività di consulenza comprovante la convenienza economica derivante all’Ente dalla sottoscrizione dei derivati e per di più con l’unico soggetto che aveva proposto questi complicati strumenti finanziari, senza rispettare quindi il principio della necessaria alterità tra chi fa da consulente e chi diventa contraente.

Normalmente - aggiunge il vice presidente del Consiglio regionale - chi deve stipulare una polizza assicurativa sulla propria automobile si rivolge a più agenzie, scegliendo quella più conveniente, che inoltre si accolla il rischio di dover pagare un conto salato nel caso che l’automobile sia oggetto di incidente o di furto, elementi del tutto assenti nei derivati stipulati da via Verrastro, dove la posta in gioco era sbilanciata sin dall’inizio, avendo deciso la Regione di contrarre con l’unico soggetto che aveva proposto questi contratti, senza valutarne altri, e assumendo su di sé, per intero, il rischio che caratterizza questi contratti, dal momento che non ha fatto precedere la stipula da alcuna valutazione circa la convenienza economica dell’operazione. Di elementi per far dichiarare nulli i contratti in derivati - spiega Napoli - ne abbiamo forniti tanti: dalla mancata conoscenza da parte della Regione dei rischi connessi ai derivati, alla presenza negli stessi di costi occulti per 2,4 milioni di euro, dal difetto di causa perché l’alea è in concreto posta a carico solo della Regione, al mancato riconoscimento del diritto di recesso ai sensi della normativa sulla collocazione dei valori mobiliari.

Nonostante l’approvazione, all’unanimità, di mozioni e risoluzioni che impegnano la Giunta a porre fine allo stillicidio dei derivati - tuona Napoli - nessuna azione è stata a tutt’oggi esperita per arginare la deriva dei derivati, una inerzia che pretende più di qualche spiegazione da parte di chi ha in mano le chiavi della finanza regionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie