Martedì 19 Marzo 2019 | 02:35

NEWS DALLA SEZIONE

I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 
La denuncia
Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

 
l’altra faccia della disoccupazione
Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

contrada botte

Sospeso il cantiere
del traliccio-gigante

Accolte le richieste dei residenti Comune e Provincia di Potenza: emerse alcune violazioni

Sospeso il cantiere del traliccio-gigante

MASSIMO BRANCATI

POTENZA - Contrada Botte, a Potenza: il traliccio di 37 metri della Telecom, alzato in piena notte, è da considerare un’opera «abusiva». L’Unità di Direzione «Assetto del Territorio» del Comune ha disposto l’immediata sospensione dei lavori in base all’articolo 27- Vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia, del decreto 380/2001, che al comma 3 recita: «... qualora sia constatata, dai competenti uffici comunali d’ufficio o su denuncia dei cittadini, l’inosservanza delle norme, prescrizioni e modalità di cui al comma 1, il dirigente o responsabile dell’ufficio, ordina l’immediata sospensione dei lavori».

La sospensione nasce dalla necessità dell’amministrazione comunale di approfondire ed effettuare ulteriori accertamenti per quanto riguarda la localizzazione dell’impianto «in un’area - spiega l’assessore Rocco Pergola - caratterizzata da numerose abitazioni, al fine di garantire la sicurezza degli abitanti della zona».

Sulla scia di un confronto tra Comune e Provincia di Potenza, sono emerse diverse violazioni, a cominciare dai limiti di distanza previsti dal Codice della Strada (il palo è troppo vicino alla carreggiata). Non solo. Non c’è l’autorizzazione della Provincia per un tratto di cavidotto lungo la banchina della strada provinciale 30.

«Alle motivazioni tecniche che hanno portato alla sospensione dei lavori - prosegue Pergola - si devono aggiungere le preoccupazioni espresse dai cittadini della zona, formulate durante gli incontri che si sono svolti presso l’Assessorato all’Urbanistica e attraverso l’istanza presentata dal loro rappresentante legale, l’avv. Molinari».

Con l’obiettivo di garantire la salvaguardia della salute e l’incolumità dei cittadini - fa sapere l’assessore - a breve si convocherà la società installatrice «per analizzare e valutare siti alternativi e per far comprendere che l’area messa a disposizione da un privato cittadino è un’area non idonea». Il principale problema è che il traliccio è troppo vicino alle abitazioni, con le onde elettromagnetiche che rappresentano un’incognita per l’impatto sulla salute umana.

Contrada Botte, com’è noto, è già stata «invasa» da diversi impianti di telecomunicazioni «per questo - sottolinea l’assessore Pergola - non può essere ulteriormente congestionata da ulteriori impianti.

Sia l’amministrazione comunale che la Provincia di Potenza congiuntamente continueranno a lavorare - conclude - per garantire il rispetto delle norme e la sicurezza dei cittadini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400