Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 19:34

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
LecceNel mirino della criminalità
Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

basilicata

S. Cataldo Di Bella: è qui
il paese dove tutti lavorano

Poco più di mille anime, 25 aziende, 15 artigiani, 10 attività commerciali

 S. cataldo di bella: è qui il paese dove tutti lavorano

di Veronica D’andrea

S. CATALDO DI BELLA - Gli abitanti sono 1.091, 25 le aziende, 15 gli artigiani, 10 le attività commerciali e zero i disoccupati.

Sono questi i fantastici numeri - decisamente in controtendenza, rispetto a tutta la Basilicata, ma anche alla media nazionale - di questa virtuosissima località del potentino, San Cataldo, frazione di Bella.

Dai numeri in possesso della Gazzetta, si evince che negli ultimi cinque anni, non si è registrato alcun calo demografico e dai dati del censimento acquisiti, si traccia che nel 2012 gli abitanti residenti erano 1.104 scesi nel 2017 a 1.091.

Un aspetto antropologico, sociale oltre che culturale degno di nota e sicuramente di esempio per tutti quei paesi che continuano e forse non solo per destino, con lo spopolamento e l’abbandono della terra natia.

Come mai San Cataldo di Bella riesce a mantenere un numero così alto di abitanti da far gola ai centri lucani più piccoli e come mai un fermento imprenditoriale così fiorente sia concentrato tutto qui? Insomma San Cataldo è o non è un’isola felice?

Ne abbiamo parlato con il sindaco di Bella, Leonardo Sabato, che risiede proprio nella frazione di San Cataldo.

La comunità sancataldese è una comunità giovane, e la sua capacità imprenditoriale è sicuramente indiscutibile perché vanta aziende che da anni lavorano nel settore della progettazione e installazione di sistemi di isolamento delle celle frigorifere, che hanno scommesso e hanno creduto nel proprio lavoro tanto da diventare punto di riferimento nella popopolazione dando pertanto lavoro a molti compaesani. Inoltre ci sono anche imprese tra artigiane ed edili che continuano a lavorare bene. Grazie a questi numeri e alle nuove esigenze della popolazione San Cataldo ha visto fiorire negli ultimi decenni numerose attività commerciali proprio a dimostrazione dell’economia fiorente.

«Le aziende che operano nel settore delle celle frigorifere - ha spiegato il primo cittadino bellese - hanno cantieri sparsi in tutto il mondo, ma la cosa particolare e che inorgoglisce me come sindaco è il loro grande attaccamento alla nostra terra, nel senso che hanno scelto di risiedervi con le proprie famiglie e questo determina una ricaduta positiva sia in termini occupazionali, come ovviamente si può ben constatare e sia in termini economici di investimento nel territorio stesso.

Nonostante non si registri un calo di residenti nella frazione di San Cataldo - ha continuato Sabato - bisogna considerare anche il numero di laureati che studiando fuori si sono poi fermati nei luoghi universitari o che sono andati via perché non hanno trovato il lavoro che si addicesse alla formazione conseguita. Di contro non si registrano però famiglie che vanno via.

L’ottanta per cento della popolazione che risiede qui è occupata. Nel venti per cento rientrano le donne, dove si registra un gran numero di casalinghe che non hanno mai cercato un lavoro fuori dalle mura domestiche. Per cui emerge un quadro di una popolazione laboriosa.

Un bilancio più che positivo per la frazione bellese e che fa anche del concetto dell’occupazione il suo fiore all’occhiello che rafforza e si rafforza grazie all’attaccamento alle proprie origini, alla propria gente, al proprio territorio, fatto di lingua, costumi e tradizioni.

«San Cataldo - ha tenuto ad evidenziare il sindaco - è migliorata tantissimo negli ultimi anni e questo si può valutare in base al numero di servizi erogati alla comunità, come quello di metanizzazione assente fino ad un decennio fa, ad esempio, oppure il ripristino dell’area cimiteriale, necessaria per una popolazione con questi numeri. Per l’anno scolastico 2018/2019, poi, è prevista per la prima volta l’istituzione della prima sezione della scuola media. Si mettono al passo i servizi con le esigenze della popolazione. Si considera così San Cataldo, non più come borgo rurale, bensì - ha concluso - come una cittadina urbana».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400