Giovedì 21 Marzo 2019 | 15:23

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariÈ diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
HomeIl caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
LecceNel Leccese
Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 
TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 

amianto killer

Materit, bomba ecologica
è in procinto di esplodere

Nella fabbrica 800 sacchi in condizioni di totale abbandono

Materit, bomba ecologica è in procinto di esplodere

PIERO MIOLLA

FERRANDINA - Se ottocento sacchi vi sembrano pochi. Specie considerando che contengono amianto e che sono lì ormai da anni. Il caso della mancata bonifica dell’area ex Materit, nella zona industriale di Ferrandina, è tornato prepotentemente a galla in questi giorni grazie anche alla sensibilità di TV2000, l’emittente di riferimento del Vaticano che attraverso l’inviata Caterina Dall’Olio ha ampliato il focus sulla presenza di materiale nocivo e dannoso per la salute umana, promuovendolo da caso regionale a qualcosa di più. La troupe di TV2000 è entrata all’interno del capannone della ex Materit, debitamente autorizzata dalle autorità competenti, mostrando all’Italia la vergogna di questo sito. All’interno, questo in realtà era già noto, circa ottocento sacchi di amianto, alcuni dei quali aperti o in pessimo stato di conservazione. Con la tanto temuta polvere di amianto sversata per terra (senza alcuna protezione) o comunque accessibile.

Anche se all’interno l’accesso non è consentito se non, appunto, previa autorizzazione e con tutte le cautele del caso, è evidente che il pericolo rappresentato da questo materiale subdolo (la polvere di amianto si insinua nell’organismo e si “risveglia” anche dopo un periodo lunghissimo) rappresenta un pericolo concreto. Non solo per coloro che abitano o lavorano nei dintorni, ma anche per tutti coloro che vivono in un raggio di chilometri abbastanza ampio. Insomma, ci sono tutti i presupposti per considerare la ex Materit una bomba ecologica. Il sito è stato messo definitivamente in sicurezza solo da poco e attende in ogni caso di essere bonificato: si tratta di uno dei sei interventi programmati nell’area Sin (Sito d’interesse nazionale) della Valle del Basento. Un intervento che avrebbe dovuto già essere stato completato e che, invece, è ancora di là da venire.

L’inchiesta di Caterina Dall’Olio ha anche la funzione (e il merito) di volerci vedere chiaro sui ritardi e sulla cronica responsabilità della burocrazia italiana (in salsa lucana), che stavolta si è materializzata anche attraverso il “nodo” dell’appalto. Impugnato dinanzi al Tar Basilicata, infatti, ha determinato l’accoglimento del ricorso da parte della ditta esclusa. Un orientamento confermato anche dal Consiglio di Stato che ha, pertanto, eliminato l’originaria vincitrice della gara. Ma quando tutti si sarebbero aspettati l’affidamento alla ricorrente, cioè alla prima delle ditte escluse, ecco che l’impasse si è materializzata rendendo tutto più complicato. Morale della favola? Quei sacchi sono ancora lì. Come se fossero un tesoro da conservare e non, invece, da trasportare in sedi adeguate.

E, soprattutto, custodire e trattare secondo le procedure del caso. Quei sacchi sono una minaccia per le genti della Valle del Basento, che, va ricordato, devono già fare i conti con mille situazioni poco chiare. Situazioni che sono il retaggio di un’epoca, quella dell’industrializzazione selvaggia degli anni ‘60, ‘70 e ‘80, che ha cambiato questa zona trasformandola da valle verde e valle di lacrime. Facendola diventare sede privilegiata di materiali devastanti per la salute grazie anche al pressapochismo di qualcuno che, invece, aveva (in teoria) ben altri compiti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400