Martedì 19 Marzo 2019 | 02:25

NEWS DALLA SEZIONE

I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 
La denuncia
Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

 
l’altra faccia della disoccupazione
Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

A Cogliandrino

Giallo a Lauria, trovato un cadavere nel cellophane

Secondo i primi accertamenti si tratterebbe di un uomo e la morte risalirebbe ad alcuni mesi fa. La modalità con cui è stato trovato l’uomo farebbero escludere una morte naturale e ipotizzare, invece, una morte violenta

Giallo a Lauria, trovato un cadavere nel cellophane

LAURIA . È mistero sull’identità di un cadavere trovato ieri a Lauria, in provincia di Potenza. Il corpo, irriconoscibile e in avanzato stato di decomposizione, è stato trovato avvolto in un cellophane e privo di una parte del cranio, in una zona impervia nella frazione di Cogliandrino. Secondo i primi accertamenti si tratterebbe di un uomo e la morte risalirebbe ad alcuni mesi fa. La modalità con cui è stato trovato l’uomo farebbero escludere una morte naturale e ipotizzare, invece, una morte violenta.

Sul corpo dell’uomo erano ancora presenti tracce degli indumenti che indossava, in particolare, un paio di pantaloni, un gilet e una cintura, inequivocabilmente maschile.

A scoprire il cadavere e a segnalarne la presenza ai carabinieri è stato un cercatore di funghi che si trovava in zona. Dopo il ritrovamento sono scattate le indagini da parte degli inquirenti per risalire all’identità dell’uomo. Le prime ricerche si sono focalizzate sulla cerchia di persone scomparse nel Lagonegrese. Non si esclude, infatti, che possa trattarsi proprio di Mariano Di Lascio, il 42enne di Lauria, del quale non si hanno più notizie dal 21 novembre scorso.

Ma la conferma si potrà avere solo con l’esame del Dna che dovrebbe essere disposto già oggi dal capo della Procura di Lagonegro, Vittorio Russo. «L’esame del Dna - ha dichiarato - sarà la prova del nove per risalire all’identità dell’uomo. Più complicato stabilire la cause della morte e come il corpo si trovasse in una zona così impervia del territorio».

Nella giornata di oggi sarà disposta la perizia medico-legale che dovrà far luce sul caso che si prospetta certamente complesso. Intanto è difficile pensare che i resti trovati appartengano ad altre due persone di cui non si hanno tracce da molti anni. Risale infatti, a 5 anni fa, l’11 ottobre 2013, la scomparsa di Raffaele Iannuzzi, pensionato 78enne di Lagonegro, allontanatosi da casa per andare in cerca di funghi. Ma sarebbe da escludere anche Nicola Bevilacqua, 34enne di Lauria, scomparso da 15 anni, dal suo Paese, il 17 maggio del 2003. Le ultime tracce: in una Panda con due amici.

Pino Perciante e Antonietta Zaccara

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400