Giovedì 25 Aprile 2019 | 23:42

NEWS DALLA SEZIONE

La situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
Il nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 
Le indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
Petrolio lucano
Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

 
Il caso
Basilicata, petrolio contaminato in Val D'Agri: un arresto

Val D'Agri, petrolio contaminato: arrestato dirigente Eni 
«Massima collaborazione»

 
La nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
Elezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
L'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto.La squadra fa ricorso ma viene respinto

 
A potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceSalento
Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

Melpignano, Francesco Guccini nel giardino del palazzo Marchesale tra musica e parole

 
BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa
Bagarre tra Sisto e Decaro

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

Corleto Perticara

Tempa Rossa, collaudi ok
possono partire prove gas

Tempa Rossa, collaudi ok possono partire prove gas

Luigia Ierace

Un altro passo verso la messa in produzione del giacimento lucano di Tempa Rossa. Si è concluso con esito positivo il primo step di collaudi sulla sicurezza nel Centro Olio di Corleto Perticara, nell’ambito dei controlli finali che precederanno l’avvio a regime delle estrazioni petrolifere nella Valle del Sauro, previsto da Total, Shell e Mitsui entro il 2018.

E ora si attende solo che la compagnia francese «accenda i motori», vista la formalizzazione dell’autorizzazione a effettuare le prove di funzionalità dell’impianto a gas. Un ok conseguente all’esito favorevole dei collaudi effettuati dall’Unimg (Ufficio nazionale minerario per gli idrocarburi e le georisorse) del Ministero dello Sviluppo economico con i Vigili del fuoco sulle installazioni di sicurezza, sugli impianti antincendio e di sensoristica del Centro Olio di Corleto Perticara.

A fine aprile, infatti, come anticipato dalla Gazzetta, sono stati completati tutti gli accertamenti tecnici di sicurezza che hanno permesso agli uffici preposti del Ministero dello Sviluppo Economico di consentire alla Total di dar corso alle prove di esercizio dell’impianto per la parte gas. Ora sarà la compagnia francese a decidere quando avviare i test sugli impianti e sulle nuove apparecchiature con gas di importazione che sarà immesso nel Centro Olio per le prove di esercizio. In questa fase che potrà durare da un mese e mezzo a due mesi, sarà introdotto il gas, già acquistato dalla Snam, attraverso un by-pass, evitando le linee di misura, che serviranno poi all’avvio effettivo della produzione di Tempa Rossa, a quantificare il gas realmente prodotto dopo la separazione da petrolio e acqua e pronto a essere convogliato nella rete Snam.

In questi due mesi, saranno effettuate tutte le verifiche impiantistiche, in particolare sul funzionamento delle turbine, alimentate a gas, per la produzione di energia elettrica, comprese le torce, sistema di sicurezza indispensabile nel Centro Olio di Corleto. Ma trattandosi di un impianto moderno e di nuova concezione, quest’ultimo non avrà la fiaccola così visibile come quella della Val d’Agri. Ma non avrà neppure le quantità di gas che tratta l’Eni al Cova. All’inizio, infatti, saranno quantitativi talmente bassi, che serviranno probabilmente per i consumi interni dell’impianto.

A Tempa Rossa non ci sarà una sola torcia, ma un sistema di piccole torce praticamente quasi invisibili.

Dal gas all’olio, ma il terreno sarà «scivoloso». A cavallo dell’estate potrebbe partire una nuova fase con la messa in funzione vera e propria del Centro Olio nella sua interezza con le prove di esercizio alla produzione e lavorazione del greggio lucano. Tutto dovrà funzionare perfettamente e sotto tutti gli aspetti, dalla sicurezza, all’ambiente, alla salute e non ultimo alla parte economica, con i i controlli alle apparecchiature per la misurazione del petrolio estratto. In base alle quantità di greggio estratto il Ministero dello sviluppo economico dovrà quantificare le royalties che la joint venture Total-Shell e Mitsui dovrà versare, ma anche la relativa tassazione.

Le prove di esercizio riguarderanno uno dei 5 pozzi perforati, il Gorgoglione 1, scelto per motivi anche logistici, per la sua posizione proprio a ridosso del Centro Olio. Si partirà con 5.000 barili al giorno, per testare l’impianto, che con le autobotti saranno portate da Corleto alla raffineria di Taranto. Ma bisognerà attendere ancora altre autorizzazioni e collaudi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400