Giovedì 21 Febbraio 2019 | 17:35

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

Il delitto a Stigliano

Duplice omicidio, ecco perchè
il killer non sconterà l'ergastolo

Le motivazioni della Cassazione che ha rideterminato a 24 anni la pena per Antonio Saponare accusato di aver ucciso 4 anni fa Giuseppe De Rosa e Giovanni Lauria

duplice delitto Stigliano

Il luogo dell'omicidio

Il ragionamento dei giudici che ha portato alla condanna è giusto, ma il calcolo della pena, con lo sconto del rito abbreviato, è errato anche perché il ricorso del Pubblico Ministero doveva essere giudicato non ammissibile. È questa la motivazione, appena pubblicata, della sentenza con cui la Cassazione, a luglio dello scorso anno, ha ridotto la pena comminata dalla Corte d’Assise di Potenza ad Antonio Saponara, il 47enne di Stigliano autore del duplice omicidio di Giuseppe De Rosa e Giovanni Lauria attuato il 29 maggio maggio 2014 con un agguato a colpi di fucile nelle campagne del paese nell'ambito di un contrasto per il presunto sfalcio di erba per nutrire gli animali in un terreno di sua proprietà. Per questo motivo Saponara era stato condannato a 24 anni di reclusione dal Gip col rito abbreviato (grazie allo sconto di pena garantito dalla scelta del rito), ma la Corte d’Appello aveva poi riformato la sentenza in ergastolo, eliminando, per la scelta del rito, solamente il pure inizialmente previsto isolamento diurno.

Ebbene, i giudici della Suprema Corte hanno riconosciuto come fondato il ragionamento fatto dai giudici lucani tanto nel ravvisare la premeditazione quanto nell’escludere ipotesi di legittima difesa, ma hanno ritenuto fondata la doglianza dei difensori dell'indagato sull'erroneità del calcolo di pena. «La riduzione di pena conseguente alla scelta del rito abbreviato si applica dopo che la pena è stata determinata in osservanza delle norme sul concorso di reati e di pene stabilite dalle norme fra le quali vi è anche la disposizione limitativa del cumulo materiale, in forza della quale la pena della reclusione non può essere superiore ad anni trenta. Per tali ragioni, l'aumento previsto per la continuazione coi reati satelliti doveva essere quantificato in anni trenta, entro i limiti di pena massima in caso di cumulo materiale, e solo successivamente ridotto ad anni venti per il rito abbreviato».

Pena ridotta, insomma, ma in ogni caso i giudici hanno anche precisato che l’Appello non poteva aggravare la condanna di primo grado (24 anni) per inammissibilità del ricorso del Pm che non era stato articolato su questioni di legittimità come deve avvenire per ricorsi in Cassazione su giudizi abbreviati sebbene riconvertiti in appelli a seguito di tale istanza da parte della difesa.[g.riv.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400