Lunedì 27 Settembre 2021 | 07:19

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

potenza e il sogno di volare

Si punta sugli aerei
di Pontecagnano

La Campania investe 135 milioni per interventi infrastrutturali

Si punta sugli aerei di Pontecagnano

Ivana Infantino

Aeroporto Salerno-Costa d’Amalfi, in arrivo 135 milioni di investimenti per interventi infrastrutturali da realizzare entro il 2022. Il finanziamento della Regione Campania – socio di maggioranza insieme alla Regione Basilicata del consorzio Aeroporto Salerno Scarl proprietario dello scalo - rientra in un programma più ampio di interventi da realizzare sullo scalo di Pontecagnano, a partire dall’allungamento della pista (il ministero dei Trasporti ha dato l’ok alla progettazione), per renderlo definitivamente operativo nell’ambito dell’accordo sottoscritto fra il presidente della Regione, Vincenzo De Luca e la Gesac, società di gestione dell’aeroporto di Capodichino. Un’intesa che prevede la gestione unica da parte di Gesac dei due scali per «distribuire la crescita del traffico su due aeroporti, rendendola più equilibrata e sostenibile». Con la fusione delle società di gestione – ci sarà un’unica società con Gesac che avrà la maggioranza azionaria – i due scali saranno complementari nell’ambito della rete integrata degli aeroporti campani.

L’integrazione prevede in prima battuta il dirottamento dei voli di aviazione civile da Capodichino a Pontecagnano, e successivamente dei voli di trasporto commerciale non appena saranno stati effettuati i lavori per l’ampliamento della pista. Nei giorni scorsi la firma da parte di Gesac dello schema di intesa approvato dalla Regione Campania, attraverso il quale si stanziano 135 milioni di euro per adeguare, in quattro anni, il Costa d’Amalfi. Un protocollo finalizzato alla redazione di un piano industriale congiunto fra le due realtà aeroportuali nel quale saranno individuati «gli interventi di adeguamento infrastrutturale - si legge nel documento - e di ampliamento dell’aeroporto di Pontecagnano necessari alla costituzione di un’unica rete aeroportuale campana».

Stando alle previsioni entro giugno la fusione dovrebbe essere cosa fatta. La società di gestione aeroporto di Salerno spa sarà incorporata in un’unica società in cui Gesac avrà la maggioranza azionaria (l’ipotesi è quella di una proporzione 80-20 per cento). Per quel che riguarda, invece, l’allungamento della pista, dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto del ministero dell’Ambiente che ha dato il via libera alla progettazione, si resta in attesa della scadenza dei termini previsti per gli eventuali ricorsi (tre mesi) per poi convocare la conferenza di servizi che autorizzerà gli espropri. La pista raggiungerà la lunghezza di 2.200 metri per poter accogliere aeromobili della classe C, tipo B737/800, A319, A320 e similari. Fra gli interventi previsti dal masterplan approvato dal Ministero anche la realizzazione di una nuova aerostazione per i passeggeri, attraverso l’ampliamento e la riqualificazione di quella esistente, creando un terminal arrivi e partenze sullo stesso piano, mentre l’area bagagli e degli impianti tecnologici sarà al livello superiore. Anche il settore parcheggi dell’aeroporto di Salerno sarà ampliato per arrivare a 200 posti auto, a fronte dei 134 attuali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie