Mercoledì 03 Giugno 2020 | 00:17

Il Biancorosso

Lutto
Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e dirigente sportivo

Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e dirigente sportivo

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'iniziativa
Bari, il San Nicola-Topolino consegnato dalla star dei tattoo a Decaro

Bari, il San Nicola-Topolino consegnato dalla star dei tattoo a Decaro

 
PotenzaL'incidente
Si schianta con la moto sull'Appennino Bolognese: muore 27enne di Potenza

Si schianta con la moto sull'Appennino bolognese: muore 27enne di Potenza

 
LecceL'iniziativa
Fase 2, in Salento si simula una festa patronale con luci e banda

Fase 2, in Salento si simula una festa patronale con luci e banda

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, Rizzo (Usb): «Da multinazionale schiaffo al governo»

Arcelor Mittal, Rizzo (Usb): «Da multinazionale schiaffo al governo»

 
BrindisiAmbiente
Oasi Torre Guaceto

Brindisi, Consorzio di Torre Guaceto unico ente italiano al «Monaco Blue Initiative»

 
FoggiaIl fatto
Cerignola, vigili urbani esclusi dalla processione e scoppia la polemica

Cerignola, vigili urbani esclusi dalla processione e scoppia la polemica

 
BatNel Nord Barese
Trani porto

Trani, stop alla movida irresponsabile

 

i più letti

Intercettazioni: la busta D è da cambiare

ROMA – E' il 20 dicembre 2007. Nella sede di Potenza della Total Italia si discute degli appalti banditi dalla società per le estrazione petrolifere del progetto «Tempa Rossa». L’ipotesi dell’accusa è che in quella sede sia stato deciso di sostituire una delle buste contenente l’offerta perchè la gara fosse vinta dall’imprenditore Francesco Ferrara. Il colloquio tra Lionel Levha, amministratore delegato di Total Italia "esplorazione e produzionE", Roberto Pasi, responsabile dell’ufficio potentino della società, e il suo collaboratore Roberto Francini, è intercettato dagli investigatori, come risulta dagli atti depositati oggi alla Camera dei Deputati. 
Dice Levha: «La busta D (relativa alla gara d’appalto, ndr), dì che la cambino».
Francini: Ma chiaramente. 
Levha: ok? 
Francini: Chiaramente. 
Levha: E bisogna che si faccia. 
Francini: Chiaramente. (omissis
Levha: Quindi bisogna in effetti che tu abbia accesso alla chiave e alla cassaforte, me ne occupo. 
Francini: Ti occupi tu di tutto questo. 
Levha: Sì, sì, allora, ti dirò come, non so. 
Più avanti, nella conversazione, interviene anche Pasi, al quale si rivolge Levha. 
Levha: Quando si arriva (ci si fa) a far vincere Ferrara, è vinta. 
Questa frase, secondo l’accusa, indica «inequivocabilmente» l'accordo illecito che era stato definito tra i dirigenti della Total e l’imprenditore Ferrara per l’aggiudicazione dell’appalto per il Centro oli di Tempa Rossa all’associazione temporanea di imprese guidata dallo stesso Ferrara.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400