Mercoledì 14 Aprile 2021 | 18:28

Il Biancorosso

Biancorossi con quattro diffidati
Verso Bari-Palermo: designazione arbitrale, giudice sportivo, ultime news

Verso Bari-Palermo: ecco l'arbitro

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl caso
Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

 
PotenzaLotta al virus
Covid, il braccio destro di Figliuolo Battistini incontra Bardi: «Esportiamo modello Basilicata»

Covid, il gen. Battistini, braccio destro di Figliuolo, incontra Bardi: «Esportiamo modello Basilicata»

 
BariLo studio legale
Bari, Polis Avvocati continua a crescere

Bari, Polis Avvocati continua a crescere

 
LecceIl caso
Lequile, avvistata la pantera vicino a un market da un autista

Lequile, nuovo avvistamento della pantera: era vicino un market

 
Foggianel foggiano
San Severo, era ricercato per evasione: arrestato latitante

San Severo, era ricercato per evasione: arrestato latitante

 
BatL'episodio
Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

 
MateraIl progetto
Matera e l'Aizerbaijan sempre più vicine: siglato accordo di cooperazione

Matera e l'Aizerbaijan sempre più vicine: siglato accordo di cooperazione

 

i più letti

«Dove chi entra urla», il film con Gio' Sada

BARI – C'è anche il vincitore della nona edizione di X Factor, il barese Giovanni 'Gio” Sada, nel film 'Dove chi entra urlà, girato da Fabrizio Pastore interamente nel capoluogo pugliese, e che sarà presentato alla stampa, nel Cineporto di Bari, lunedì 21 dicembre, alle ore 10. Il film, è detto in una nota, racconta l’evoluzione della vita di chi, soprannominato come il recipiente destinato a raccogliere escrementi, che in dialetto barese prende il nome di 'Prisò, decide di vivere ai margini di una società che lo deride.

Fino a quando incontrerà un insegnante di scuola guida, Bartolo, il quale gli insegna che tutti hanno un 'pruritò da cui non possono liberarsi e che procura loro dolore e sofferenza. 'Prisò, allora, concepirà l’idea di un posto 'dove chi entra urlà, uno spazio surreale in cui lasciare il proprio prurito e liberarsi delle angosce più profonde.

"Il progetto – spiega Pastore – ha coinvolto più di mille persone tra attori e comparse, in 180 scene. E nasce dalla volontà di realizzare un lungometraggio senza alcun contributo finanziario, ma con la partecipazione volontaria di tecnici, musicisti, attori e figuranti, uniti da un’unica passione: il cinema".

Soggetto e sceneggiatura sono liberamente tratti dall’omonimo racconto breve di Alessandra Minervini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400