Venerdì 06 Dicembre 2019 | 13:39

Il Biancorosso

L'intervista
Bari calcio, Strambelli: «La quadratura è raggiunta»

Bari calcio, Strambelli: «La quadratura è raggiunta»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaAeroporto
Foggia, Gino Lisa: iniziati i lavori di prolungamento della pista

Foggia, Gino Lisa: iniziati i lavori di prolungamento della pista

 
LecceSanità
Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

 
BariLa polemica
L'auto di Fantozzi spunta ad Acquaviva: addobbo natalizio o ironica trovata?

L'auto di Fantozzi spunta ad Acquaviva: addobbo natalizio o ironica trovata?

 
TarantoIl folle gesto
Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

 
MateraIl colpo
Matera, arrestato bandito 26enne. Aveva un biglietto d'aereo pronto per partire

Matera, arrestato bandito 26enne: aveva un biglietto d'aereo pronto per partire

 
BrindisiAtto vandalico
Brindisi, l'autobus non si ferma e lui gli lancia contro una pietra: denunciato

Brindisi, l'autobus non si ferma e lui gli lancia contro una pietra: denunciato

 
BatIn zona Zagaria
Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

 
PotenzaA Rionero in Vulture
Compravendita illegale di loculi: indagati nel Potentino

Gettavano salme in fosse comuni per liberare loculi nel cimitero: 6 arresti nel Potentino VD

 

i più letti

«Dove chi entra urla», il film con Gio' Sada

BARI – C'è anche il vincitore della nona edizione di X Factor, il barese Giovanni 'Gio” Sada, nel film 'Dove chi entra urlà, girato da Fabrizio Pastore interamente nel capoluogo pugliese, e che sarà presentato alla stampa, nel Cineporto di Bari, lunedì 21 dicembre, alle ore 10. Il film, è detto in una nota, racconta l’evoluzione della vita di chi, soprannominato come il recipiente destinato a raccogliere escrementi, che in dialetto barese prende il nome di 'Prisò, decide di vivere ai margini di una società che lo deride.

Fino a quando incontrerà un insegnante di scuola guida, Bartolo, il quale gli insegna che tutti hanno un 'pruritò da cui non possono liberarsi e che procura loro dolore e sofferenza. 'Prisò, allora, concepirà l’idea di un posto 'dove chi entra urlà, uno spazio surreale in cui lasciare il proprio prurito e liberarsi delle angosce più profonde.

"Il progetto – spiega Pastore – ha coinvolto più di mille persone tra attori e comparse, in 180 scene. E nasce dalla volontà di realizzare un lungometraggio senza alcun contributo finanziario, ma con la partecipazione volontaria di tecnici, musicisti, attori e figuranti, uniti da un’unica passione: il cinema".

Soggetto e sceneggiatura sono liberamente tratti dall’omonimo racconto breve di Alessandra Minervini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400