Martedì 22 Giugno 2021 | 00:15

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceil fenomeno
Lecce,  volontari croce rossa

Castro, sbarco di migranti vicino la grotta Zinzulusa

 
BariIl caso
Bari, allarme in città, tre donne picchiate

Bari, allarme in città, tre donne picchiate

 
MateraIl caso
Montalbano pronta a dire no alle scorie

Montalbano pronta a dire no alle scorie

 
PotenzaIl caso
Potenza, frenata sull’acqua cara

Potenza, frenata sull’acqua cara

 
TarantoIl fatto
Taranto, Bus in fiamme ai Tamburi

Taranto, bus in fiamme ai Tamburi

 
BrindisiIl fatto
Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

 
Batil caso nella Bat
Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

 
FoggiaIl caso
Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

 

i più letti

«La xylella è dappertutto ma solo qui tagliamo» Silletti: situazione preoccupante 

«La xylella è dappertutto ma solo qui tagliamo» Silletti: situazione preoccupante 
BARI - A difendere le eradicazioni imposte dall’Unione europea è rimasto solo il commissario Giuseppe Silletti. Perché gli esperti convocati ieri dalla Commissione agricoltura del Consiglio regionale hanno un punto di vista diverso: la xylella non si può cancellare, e comunque tagliare gli ulivi non risolverà il problema. Ieri, su richiesta del grillino Cristian Casili, la commissione guidata da Donato Pentassuglia ha chiamato l’Arpa, gli Ordini professionali e le Università. E anche se Silletti ha mostrato foto aeree di «cimiteri» di alberi, gli esperti non sono convinti della necessità di tagliare. Anche perché - è emerso - la Xylella esiste da un secolo negli Usa, ed era già presente in Europa in Francia, Germania e Olanda ben prima di arrivare in Puglia.

Tra i critici più accesi del piano dei tagli il professor Cristos Xiloyannis dell’Università della Basilicata, che mette in dubbio le strategie alla radice. «Nel Comitato tecnico scientifico ministeriale - ha detto - non c’è alcuna multidisciplinarietà. Esiste un approccio diverso, rispetto al loro, che è quello della sostenibiltà e della convivenza con il batterio». La xylella, dice Xiloyannis, non può essere sconfitta con la forza bruta: «Il batterio muta continuamente e si adatta agli attacchi. Ce lo dicono gli americani, che hanno trovato nuovi ceppi contro cui non sanno cosa fare. In Sud America, la xylella è nel caffè: ma loro hanno trovato il modo di convivere». E perché i tagli non servono? Xyloiannis fa un esempio. «Quella dell’ulivo non è la prima batteriosi che ci troviamo ad affrontare. In passato in Italia c’è stata quella del kiwi, vicino Latina abbiamo tagliato 1.000 ettari e ci siamo resi conto che non è servita a niente. Oggi il 60% delle piante di kiwi è malato, ma ci conviviamo».

La polemica è anche per mancato rispetto della condizionalità: per accedere ai pagamenti gli agricoltori devono rispettare determinate norme, ad esempio sulla manutenzione dei terreni e sulla salvaguardia dell’ambiente. «Chi doveva vigilare - ha detto Xyloiannis - evidentemente non lo ha fatto». Ovvero, probabilmente gli olivicoltori hanno preso gli incentivi ma non hanno effettuato i tagli che avrebbero limitato il contagio.

Altro tema, i conflitti di interessi. «Il commissario Silletti - è l’opinione dell’esperto - sta utilizzando bene i soldi per la ricerca. Mentre il Comitato tecnico scientifico ministeriale si è fatto assegnare 4 milioni dallo stesso ministero, senza nessun bando». Ma Silletti, il cui incarico scadrà il 5 febbraio, ha difeso l’operato del ministero. «Tutte le misure, compreso il taglio di tutte le piante nel raggio di 100 metri dalle infezioni, sono frutto della mediazione tra lo Stato e la Ue. Se non ottemperiamo, rischiamo una procedura di infrazione con la seria possibilità di un blocco dell’intero comparto florovivaistico pugliese. La indennità per l’estirpazione degli ulivi è stata portata fino a 261 euro a pianta». [m.s.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400