Domenica 01 Agosto 2021 | 22:45

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

Anci Puglia: Trenitalia è stata inqualificabile

BARI – Il presidente di Anci Puglia, Luigi Perrone, a nome dei sindaci pugliesi, esprime "forte dissenso in merito al comportamento di Trenitalia, che ha annullato l'incontro di ieri con il presidente della Regione, Michele Emiliano, e con i sindaci sulla questione del prolungamento del Frecciarossa Milano-Bari fino a Lecce, rimandandolo a dopo l'audizione del prossimo 29 settembre in Parlamento.

E' un "atteggiamento sconcertante e inqualificabile – dichiara il presidente Anci Puglia – specialmente da parte di chi rappresenta un’azienda pubblica che dovrebbe se non altro conoscere e rispettare il galateo istituzionale e dovrebbe provare a contemperare gli obiettivi economici con l’interesse pubblico, con le esigenze di un territorio in continua crescita turistica, a cui comunque, bisogna garantire il diritto primario alla mobilità". "Evitare l’incontro con il governatore e con i sindaci – aggiunge Perrone – significa rifiutare il confronto con le comunità pugliesi che hanno fatto quadrato contro l'assurda decisione di Trenitalia, mobilitandosi in varie iniziative di protesta, per rivendicare il sacrosanto diritto alla mobilità e alla accessibilità. Sono certo che tutti i rappresentanti parlamentari pugliesi sapranno intervenire nei confronti del Governo per evitare di privare la Puglia e il Sud di un servizio che può rivelarsi strategico per il futuro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400