Sabato 16 Febbraio 2019 | 23:03

GDM.TV

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Rignano, un fallimento il piano anti-ghetto

di Massimo Levantaci

FOGGIA - Un anno fa la Regione ingaggiava la sua battaglia contro il caporalato e puntava sul «pomodoro etico», chiamava le imprese a far parte della sua filiera pulita, allestiva un campo di accoglienza proprio di fronte al famigerato ghetto di Rignano (in provincia di Foggia) per aiutare gli immigrati a divincolarsi dal giogo dei caporali. Di quel tentativo eroico e forse anche un po’ troppo ingenuo non è rimasto quasi più nulla: il ghetto è sempre là vivo e vegeto e nei campi si torna a morire, com’è accaduto a Nardò e, qualche giorno fa, in un vigneto di Andria. La vergogna del lavoro illegale nelle campagne pugliesi resta immutata nel tempo, impermeabile anche alla crisi economica che anzi ha accentuato i tratti dello sfruttamento perché ci sono sempre più braccia che si accontentano di paghe ancora più basse. Italiani o immigrati, ormai non fa molta differenza, sono tutti sulla stessa barca, pronti a contendersi il lavoro per un tozzo di pane. La situazione perciò rischia di sfuggire di mano e i segretari regionali di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil chiedono alla neoinsediata Giunta Emiliano di battere un colpo su una piaga che è anche uno sfregio all’immagine della regione leader del turismo ormai in tutta Europa.«La Regione avvii un monitoraggio sia sul piano dei controlli che dell’accoglienza, abbiamo bisogno di fare il punto della situazione», preannunciano i tre segretari in una lettera aperta al governatore.

Il dato che conferma la sistematicità del caporalato legato alle grandi campagne del pomodoro da industria e dell’uva, emerge da un blitz della Guardia di finanza che nel Foggiano ha scoperto una fitta organizzazione in cui anche gli imprenditori agricoli erano parte attiva ingaggiando senza contratto e per qualche spicciolo centinaia di lavoratori, preferibilmente immigrati. Un arresto e cinquanta denunciati l’esito dell’operazione, ma le forze dell’ordine quando avviano controlli di questo genere vanno quasi sempre a colpo sicuro. Servirebbero, allora, un «controllo interforze», suggerisce la Flai Cgil di Foggia e probabilmente pene più severe per sanzionare l’intermediazione illegale di manodopera.

Per i segretari dei tre sindacati De Leonardis (Flai Cgil), Frascella (Fai Cisl) e Bongiorno (Uila Uil) è opportuno che la Regione intervenga: «Come segreterie unitarie - sottolineano nella nota inviata a Emiliano - riteniamo che il tema abbia una forte priorità nell’agenda di Governo Regionale per il tema e le conseguenze che lo stesso si riverbera sulle condizioni di lavoro di migliaia e migliaia di lavoratori indigeni e stranieri e il riflesso dello stesso e delle produzioni pugliesi sui media e in Europa. Riteniamo opportuno un primo incontro che faccia il punto della situazione, sia per un monitoraggio e socializzazione dei fenomeni legati ai flussi di manodopera, ai trasporti, alle situazioni alloggiative e accoglienza dei migranti, sui fenomeni di intermediazione, lavoro nero ed evasioni contrattuali, sia sulla strumentazione di contrasto messe in atto dalla Regione Puglia in questi anni, circa la sua efficacia e implementazione».

«Chiediamo un urgente incontro tra le parti sociali e istituzionali - aggiungono - per definire e puntualizzare meglio le norme e le misure di contrasto al lavoro nero e ai fenomeni di illegalità a ridosso delle campagne di raccolta già in corso quale quella del pomodoro e l’imminente campagna di raccolta uva da tavola che vede una mobilità interprovinciale di oltre 30.000 lavoratori e lavoratrici».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
Ex-Otago ospiti della «Gazzetta del Mezzogiorno»: segui la diretta

Ex-Otago ospiti della «Gazzetta»: rivedi la diretta

 
Terrorismo, ecco come i Predator di Amendola trovano i covi jihadisti

Terrorismo, ecco come i Predator di Amendola trovano i covi jihadisti

 
Emma a Bari canta ai fan come si guarisce dal dolore: «Mi siete mancati»

Emma a Bari canta ai fan come si guarisce dal dolore: «Mi siete mancati»

 
Putignano, Gabrielli sigla accordo per la nascita di un nuovo commissariato di polizia

Putignano, Gabrielli sigla accordo per la nascita di un nuovo commissariato di polizia

 
Intervista al regista della Divina Commedia Opera Musical, novità per i Negramaro

Intervista al regista della Divina Commedia Opera Musical, novità per i Negramaro

 
Locri - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Bari, su Biancorosso le nuove maglie e il futuro di Cornacchini. Locri-Bari, il prepartita Video

 
Facevano saltare bancomat in Lombardia con dispositivo rudimentale: 3 foggiani arrestati

Facevano saltare bancomat in Lombardia con dispositivo rudimentale: 3 foggiani arrestati

 
San Valentino, Bari festeggia ballando in Largo Albicocca

San Valentino, Bari festeggia ballando in Largo Albicocca

 
Centinaio annuncia: «Presto decreti su gelate e Xylella»

Gilet arancioni, Centinaio: «Presto decreti su gelate e Xylella»
Emiliano: «A marzo piano sviluppo»

 
Foggia, rapinatori seriali arrestati in flagrante: incastrati da un buco sulla serranda di una tabaccheria

Un buco sulla serranda di una tabaccheria incastra rapinatori: 4 arresti a Foggia