Martedì 09 Marzo 2021 | 05:50

Il Biancorosso

Serie c
Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa manifestazione
Ilva, salta integrazione salario per i1700: il 12 sciopero e sit in dei lavoratori

Ilva, salta integrazione salario per 1700: il 12 sciopero e sit in dei lavoratori

 
LecceL'iniziativa
Leuca, hotel dedica stanza a Rena Fonte, ex assessore Nardò uccisa dalla mafia

Leuca, hotel dedica stanza a Renata Fonte, ex assessore Nardò uccisa dalla mafia

 
PotenzaLa novità
Marsico Nuovo ottiene il titolo onorifico di «città»

Marsico Nuovo ottiene il titolo onorifico di «città»

 
FoggiaL'iniziativa
8 marzo a Lucera, al Lastaria mimose, cioccolatini e sorrisi per le pazienti dell'Oncologico

8 marzo a Lucera, al Lastaria mimose, cioccolatini e sorrisi per le pazienti dell'Oncologico

 
BariL'inaugurazione
8 marzo a Bari, ecco la panchina rossa dedicata a Noemi Durini

8 marzo a Bari, ecco la panchina rossa dedicata a Noemi Durini

 
MateraIl caso
Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

Mafia, estorsioni nel Materano: due uomini arrestati

 
BatIl caso
Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

 

i più letti

Benefici pensionistici esposti amianto a infermiere

La Corte d’Appello di Lecce ha accolto il ricorso di un lavoratore che ha svolto per anni le mansioni di infermiere nello stabilimento Ilva di Taranto riconoscendogli i benefici pensionistici dell’esposizione all’ amianto. Lo rendono noto le segreterie nazionale e territoriale della Fiom Cgil, il sindacato che ha assistito il lavoratore tramite l’avvocato Massimiliano Del Vecchio.
"La decisione – sottolinea l’organizzazione sindacale – si segnala non solo per il lungo periodo di riconoscimento giudiziale, che giunge sino ad 11 anni oltre il divieto normativo di utilizzazione dell’amianto, ma anche perchè disintegra, accogliendo le nostre tesi, il dogma dello stretto  riferimento alle mansioni di diretta esposizione al rischio per privilegiare l’accertamento della sussistenza di un rischio ambientale, che pertanto coinvolge, nel caso specifico, tutte le categorie di lavoratori all’interno della stabilimento Ilva".
La Fiom Cgil di Taranto "evidenzia nello specifico la certificazione della sussistenza del rischio ambientale che si estende a tutte le categorie presenti all’interno dello stabilimento Ilva di Taranto con l’apertura di nuovi scenari per molti lavoratori a tutt'oggi esclusi dal riconoscimento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400