Lunedì 25 Gennaio 2021 | 09:41

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barialla guida dell'arcidiocesi
Bari, è il giorno di Monsignor Satriano: alle 17 la prima messa in Cattedrale

Bari, è il giorno di Monsignor Satriano: alle 17 la prima messa in Cattedrale

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Foggiala tragedia
San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: due le persone morte

San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: il bilancio è di due morti

 
Leccela polemica
Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

La ripresa tiene, ma è la più lenta e incerta d'Europa

ROMA - L'economia italiana è innegabilmente in ripresa, ma rispetto all'Europa, il ritmo di crescita dell'Italia è più lento ed incerto. Tanto che il ritardo accumulato nei confronti degli altri paesi del continente, in termini di espansione del pil, di occupazione, di produttività, non si è attenuato nell'ultimo anno nonostante il buon andamento dell'economia.
E' questo il quadro economico che emerge dall'ultimo rapporto annuale dell'Istat che fotografa la situazione al 2006, anno in cui il pil italiano ha registrato un aumento dell'1,9%.
La crescita, spiega l'Istituto di statistica, è il vero «fatto nuovo» dello scorso anno rispetto alla stagnazione dell'ultimo quadriennio che con un ritmo medio annuo del +0,4% ha segnato la performance peggiore dal dopoguerra e anche all'interno dell'Unione monetaria. L'economia è ripartita in tutta Europa e l'Italia ha ingranato la marcia al suo seguito, soprattutto nel settore industriale (+2,5% la performance 2006 dell'industria in senso stretto contro il -1,8% del 2005). Tuttavia la ripresa è «più tarda» rispetto a quella europea, anche perchè i mutamenti del sistema produttivo avvengono «per linee interne», migliorando cioè quello che le imprese sanno già fare, piuttosto che spostando la produzione in settori più remunerativi.
La tendenza è evidente anche nel mercato del lavoro: in 10 anni l'evoluzione è stata «forte», sottolinea ancora l'Istat, ma i risultati sono ancora distanti dall'Europa. Il tasso di disoccupazione è comunque sceso nel 2006 al 6,8%, dal 7,7% del 2005.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400