Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 09:04

GDM.TV

i più visti della sezione

«Si possono evidenziare 5 livelli di responsabilità»

ROMA - Sono almeno cinque i livelli di responsabilità sul piano organizzativo coinvolti nella vicenda delle otto morti sospette nell'Unità di terapia intensiva coronarica dell'ospedale di Castellaneta (Taranto). Lo ha detto il presidente della Società scientifica del management dl rischio clinico, Quirino Piacevoli, uno dei componenti della commissione di esperti del ministero della salute che ieri sera ha concluso l'ispezione nell'ospedale pugliese.
«Sono almeno cinque i livelli di responsabilità sul piano organizzativo che avrebbero potuto evitare gli episodi che hanno gettato nel panico tanti pazienti e che avrebbero portato alla morte un numero di persone che la Magistratura potrà accertare».
Sono livelli di responsabilità, ha aggiunto, da rintracciare a partire dalla fase di installazione dell'impianto fino alla direzione sanitaria. «Sono probabilmente entrati in gioco - ha osservato - anche gli aspetti economici che oggi pervadono la sanità, e secondo i quali le macchine non devono fermarsi mai». Una vicenda, ha detto ancora, nella quale sono entrate in gioco «distrazioni e superficialità».
Quello che è certo, secondo Piacevoli, è che il protossido di azoto non avrebbe dovuto essere presente nell'Unità di terapia intensiva coronarica. «I gruppi ospedalieri di nuova concezione fanno a meno del protossido di azoto, che è un gas altamente tossico e che in ambiti come le unità di terapia intensiva e rianimazione è assolutamente assente». Non è necessario utilizzare protossido d'azoto nemmeno negli interventi di cardioconversione per la terapia della fibrillazione atriale: in questi casi, ha osservato l'esperto, è sufficiente una minima sedazione, dopodiché si utilizza soltanto l'ossigeno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia