Domenica 24 Gennaio 2021 | 23:59

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Foggiala tragedia
San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: due le persone morte

San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: il bilancio è di due morti

 
Leccela polemica
Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

 
MateraIl mistero
Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 

i più letti

«Si possono evidenziare 5 livelli di responsabilità»

ROMA - Sono almeno cinque i livelli di responsabilità sul piano organizzativo coinvolti nella vicenda delle otto morti sospette nell'Unità di terapia intensiva coronarica dell'ospedale di Castellaneta (Taranto). Lo ha detto il presidente della Società scientifica del management dl rischio clinico, Quirino Piacevoli, uno dei componenti della commissione di esperti del ministero della salute che ieri sera ha concluso l'ispezione nell'ospedale pugliese.
«Sono almeno cinque i livelli di responsabilità sul piano organizzativo che avrebbero potuto evitare gli episodi che hanno gettato nel panico tanti pazienti e che avrebbero portato alla morte un numero di persone che la Magistratura potrà accertare».
Sono livelli di responsabilità, ha aggiunto, da rintracciare a partire dalla fase di installazione dell'impianto fino alla direzione sanitaria. «Sono probabilmente entrati in gioco - ha osservato - anche gli aspetti economici che oggi pervadono la sanità, e secondo i quali le macchine non devono fermarsi mai». Una vicenda, ha detto ancora, nella quale sono entrate in gioco «distrazioni e superficialità».
Quello che è certo, secondo Piacevoli, è che il protossido di azoto non avrebbe dovuto essere presente nell'Unità di terapia intensiva coronarica. «I gruppi ospedalieri di nuova concezione fanno a meno del protossido di azoto, che è un gas altamente tossico e che in ambiti come le unità di terapia intensiva e rianimazione è assolutamente assente». Non è necessario utilizzare protossido d'azoto nemmeno negli interventi di cardioconversione per la terapia della fibrillazione atriale: in questi casi, ha osservato l'esperto, è sufficiente una minima sedazione, dopodiché si utilizza soltanto l'ossigeno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400