Martedì 11 Dicembre 2018 | 20:01

GDM.TV

i più visti della sezione

Le tre sfide contemporanee: ecologia, diritti della persona e valori dello spirito

tartaruga di terraCITTA' DEL VATICANO - «Ambiente e sviluppo sostenibile». Diritti delle persone, maschio e femmina, creati a immagine di Dio». «Uguaglianza di opportunità» nel fruire dei «beni spirituali», quali «educazione e conoscenza». Queste per il Papa sono le «tre specifiche sfide che il mondo si trova ad affrontare» e che richiedono «un convinto impegno» di «giustizia e carità». Benedetto XVI lo afferma nel suo messaggio alla assemblea della Pontificia accademia per le scienze sociali, in corso in Vaticano.
Nel testo il Pontefice ribadisce inoltre che «per affrontare tali sfide» è necessaria anche la «solidarietà intergenerazionale» che nasce dall'«amore all'interno della famiglia, fondata su un uomo e una donna, creati a immagine di Dio». Benedetto XVI ribadisce inoltre che per la Chiesa «giustizia e carità» sono «inseparabili».

«La prima sfida - afferma il Papa - riguarda l'ambiente e uno sviluppo sostenibile. La comunità internazionale riconosce che le risorse del mondo sono limitate e che è dovere di ogni popolo attuare politiche miranti alla protezione dell'ambiente, al fine di prevenire la distruzione di quel patrimonio naturale i cui frutti sono necessari per il benessere dell'umanità». «Particolare attenzione - raccomanda Benedetto XVI - deve essere rivolta al fatto che i Paesi più poveri sono quelli che sembrano destinati a pagare il prezzo più pesante per il deterioramento ecologico». «Nell'affrontare le sfide della protezione dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile, siamo chiamati - ribadisce - a promuovere e a 'salvaguardare le condizioni morali di un'autentica ecologia umana», come si legge nell'enciclica di Wojtyla Centesimus annus. «Questo, d'altra parte, - aggiunge papa Ratzinger - esige una relazione responsabile non soltanto con la creazione ma anche con il nostro prossimo, vicino e lontano, nello spazio e nel tempo, e con il Creatore».

La «seconda sfida» di cui parla il Papa «chiama in causa il nostro concetto di persona umana e, di conseguenza, le nostre relazioni reciproche: se gli esseri umani non sono visti come persone, maschio e femmina, creati ad immagine di Dio, dotati di una dignità inviolabile, sarà ben difficile raggiungere una piena giustizia nel mondo. Nonostante il riconoscimento dei diritti della persona in dichiarazioni internazionali e in strumenti legali, - ammonisce Benedetto XVI - occorre progredire di molto per far sì che tale riconoscimento abbia conseguenze sui problemi globali». Tra tali problemi globali il Papa indica: «il crescente divario fra Paesi ricchi e Paesi poveri; l'ineguale distribuzione ed assegnazione delle risorse naturali e della ricchezza prodotta dall'attività umana; la tragedia della fame, della sete e della povertà in un pianeta in cui vi è abbondanza di cibo, di acqua e di prosperità; le sofferenze umane dei rifugiati e dei profughi; le continue ostilità in molte parti del mondo; la mancanza di una sufficiente protezione legale per i non nati; lo sfruttamento dei bambini; il traffico internazionale di esseri umani, di armi, di droghe; e numerose altre gravi ingiustizie».

La «terza sfida» riguarda «i beni spirituali che sono tipici dell'uomo si espandono e si moltiplicano quando sono comunicati: al contrario dei beni divisibili, i beni spirituali come la conoscenza e l'educazione sono indivisibili, e più vengono condivisi, più vengono posseduti». «Per affrontare positivamente tali sfide - argomenta il Papa riferendosi alla globalizzazione che aumenta i contatti tra popoli e persone con identità diverse - è urgentemente necessaria una giusta uguaglianza di opportunità, specie nel campo dell'educazione e della trasmissione della conoscenza. Purtroppo, l'educazione, specialmente al livello primario, rimane drammaticamente insufficiente in molte parti del mondo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie