Sabato 20 Aprile 2019 | 14:12

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLe festività pasquali
Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

 
HomeLa storia a lieto fine
Dall'Argentina al trullo di Locorotondo: anziano migrante ritrova le sue radici

Dall'Argentina al trullo di Locorotondo: anziano migrante ritrova le sue radici

 
BrindisiIl caso
Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

 
LecceIl caso
Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
TarantoL’edificio è in piazza Ebalia
Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

 
FoggiaContratto di sviluppo
Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

Distretto agroindustria, Foggia vuole 100 milioni

 

La Puglia indietro nella politiche sociali

Istat - Una vita più lunga, ma da poveriBARI - «La vera scommessa è nella nostra capacità di collaborare» Daniele Petrosino sociologo del dipartimento di Scienze storico sociali dell'Università di Bari lancia quasi la sfida durante la presentazione degli otto progetti che serviranno a mappare la realtà della povertà in Puglia e che termineranno nella loro fase di acquisizione ed elaborazione dati a fine anno. «Quando ci si attiva nella ricerca sociale - continua Petrosino ci si rende conto del forte elemento di coinvolgimento e partecipazione dei cittadini, elemento essenziale per noi ricercatori per rilevarne i bisogni e poter poi elaborare delle proposte di servizi attivi».
«E' la prima volta che un progetto così ampio e che riguarda la programmazione sociale coinvolge l'Università di Bari - sottolinea Corrado Petrocelli, magnifico rettore dell'Università di Bari intervenendo al seminario di presentazione - addirittura con due dipartimenti. Questo dimostra che l'Università non solo opera per formare e trasmettere sapere e conoscenza ma interviene anche nella definizione e nel miglioramento dei processi sociali».
L'obiettivo è avviare anche in Puglia un Osservatorio regionale sulle politiche sociali integrato al Sistema informativo, passando attraverso la comprensione del fenomeno, la distribuzione delle fasce di povertà nella regione e le urgenze da avviare con strumenti idonei. «Superate le urgenze bisogna poi passare alla gestione dei bisogni - sottolinea Vito Peragine, docente di Scienza delle Finanze del Dipartimento di Scienze economiche e titolare della 'Prima indagine sulla povertà e l'esclusione sociale in Puglia'. Dagli anni 90 in poi il concetto di povertà è cambiato, non si ha più a che fare con disoccupati o esclusi dal sistema produttivo, ma famiglie monoreddito che non riescono a reggere il sistema dei consumi contemporanei. Parliamo di nuove fasce a rischio e senza tutela che non rientrano sempre nelle classi di povertà statistiche».
A volte non basta ridurre tutto a semplici interventi umanitari. Le politiche sociali necessitano di strategie più complesse che partono da interventi per abbassare i livelli di disoccupazione, ma che puntino ad esempio alla buona occupazione che sappia dare stabilità, perché altrimenti si rischia di ricadere in sacche di disagio sociale difficile da gestire.
«Oggi più di ieri è semplice per un soggetto o un gruppo familiare scivolare da un livello di sussistenza medio oltre il livello di povertà - mette in evidenza il sociologo Franco Chiarello - ed ecco perché sono necessarie nuove politiche sociali, perché nuovi sono i protagonisti sulla scena. E' importante il massimo coinvolgimento di istituzioni, enti di ricerca, soggetti che operano nel terzo settore, che pensino ed operino insieme per la coesione sociale, vero architrave per lo sviluppo territoriale».
«Purtroppo la Puglia non ha una storia sedimentata di politiche sociali attive - spiega Anna Maria Candela, dirigente dell'assessorato regionale Politiche alla solidarietà - non esiste ancora un Osservatorio dove possano agire tutti i protagonisti e siamo in ritardo rispetto alle richieste del nostro stesso territorio».
R. Sche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
Sommergibili, 24 nuovi "delfini"consegnati a Taranto i brevetti

Sommergibili, 24 nuovi "delfini"
consegnati a Taranto i brevetti

 
Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

 
Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

 
Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

 
La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

 
Ruspe a Borgo Mezzanone

Ruspe nella baraccopoli di Borgo Mezzanone: impegnati 209 agenti