Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 18:20

GDM.TV

Il fratello dell'autista afghano decapitato dai talibani: nessuno ha aiutato Sayed

ROMA - «Abbiamo sepolto da pochi giorni Sayed Agha e tutta la famiglia è in lutto. Per me è un momento molto duro, perchè ho perso il fratello maggiore». Lo dice al in una intervista Mohammed Dawood, il fratello dell'autista dell'inviato di Repubblica Daniele Mastrogiacomo che è stato decapitato dai talebani. «Tutto il mondo ci ha dimenticato e si è occupato solo del rilascio del giornalista italiano in cambio di cinque criminali», lamenta l'uomo, ricordando che del fratello ucciso »i talebani si sono presi pure la sua macchina e hanno lasciato cinque orfani. Sayed e Ajmal lavoravano con questo straniero. Lui è stato liberato e per gli afghani cosa si è fatto?». E mentre Repubblica ha scritto che bisogna stare vicino alla loro famiglia e ha annunciato una sottoscrizione per raccogliere fondi «se ci arriveranno degli aiuti serviranno a migliorare la vita dei bambini», afferma Mohammed Dawood, aggiungendo poi che «Sayed, non era una spia» e che «solo i capi tribù ci hanno detto dove trovare il corpo. Lo abbiamo riconosciuto, anche se non aveva più la testa - dice - Emergency non ci ha mai aiutato a cercare il cadavere. Abbiamo dovuto arrangiarci da soli con i nostri contatti, spendendo i nostri soldi e organizzando il trasporto. Sayed è stato ucciso perchè accompagnava uno straniero - dice infine l'uomo - ma io sono felice che il giornalista italiano sia tornato dalla sua famiglia. A differenza di mio fratello. Forse bisognerebbe ricordare -conclude - che anche gli autisti e gli interpreti locali sono esseri umani».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive