Giovedì 13 Dicembre 2018 | 08:29

GDM.TV

I tifosi del Bari sulla prima pagina dei giornali russi

A gonfie vele la prevendita per Italia-Scozia al San Nicola
MOSCA- Nuovo appello dei tifosi del Bari ai miliardari russi perchè acquistino la squadra, salvandola dal rischio di fallimento e dalla retrocessione. Dopo lo striscione in cirillico esposto nello stadio locale alla vigilia della visita nel capoluogo pugliese del presidente russo Vladimir Putin ("Imprenditori russi compratevi la squadra di calcio del Bari»), oggi i sostenitori dei biancorossi sono riusciti a farsi pubblicare in prima pagina sul quotidiano Izvestia una lettera in cui ripropongono l'invito ad investire nella loro squadra.
«Comprate il nostro club», titola il giornale, pubblicando anche una foto della curva e sottolineando come la lettera sia permeata dalle preoccupazioni per le sorti della società, una delle più vecchie d'Italia. Negli ultimi 30 anni, scrivono i tifosi, la squadra è rimasta nelle mani di un imprenditore locale, Vincenzo Matarrese, «che sfrutta il calcio per i propri egoistici interessi, ignorando le ambizioni e i sentimenti dei tifosi».
Matarrese, ricorda l'appello, si è detto disponibile a vendere il club per una cifra compresa tra 20 e 25 milioni di euro, annunciando altrimenti di voler cessare di finanziarlo. Cosa che, concludono gli autori della lettera, «priverebbe la nostra città e la nostra regione dello sport più popolare del mondo e provocherebbe il declino del San Nicola, uno stadio da 60 mila posti».
Chissà che ora San Nicola, il santo protettore di Bari ma anche di tutte le Russie, davanti al quale si è devotamente genuflesso pure Putin, non faccia il miracolo.

Intanto, prosegue la vendita dei biglietti per la partita di qualificazione ai Campionati Europei del 2008 Italia-Scozia che si giocherà mercoledì 28 marzo allo stadio San Nicola di Bari (ore 20.50). I tagliandi venduti fino ad ora sono circa 30mila, a testimonianza del grande interesse che sta suscitando in tutta la Puglia l'arrivo della Nazionale di Donadoni. Nei giorni 26 e 27 marzo dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 18 saranno distribuiti i biglietti gratuiti per il settore riservato ai disabili in carrozzella accompagnati, fino ad esaurimento dei posti disponibili. La distribuzione avverrà al botteghino cancello 3 dello Stadio "San Nicola" a presentazione del documento di riconoscimento del disabile, del certificato di inabilità rilasciato da strutture pubbliche e del documento di riconoscimento dell'accompagnatore.
L'arrivo degli Azzurri di Donadoni è previsto per il 27 mattina e nel pomeriggio la squadra si allenerà allo stadio San Nicola. La prevendita,a cura di Ticketone,è iniziata martedì 5 marzo e le richieste sono state subito numerosissime.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive