Domenica 16 Dicembre 2018 | 21:39

GDM.TV

Vendola: il Sud non ha il «cappello in mano»

BARI - Intervenuto all'incontro con il ministro dell'Economia Padoa Schioppa, promosso da Confindustria Bari e dalla Fiera del Levante, il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, dopo gli interventi dei presidenti della Provincia di Bari Enzo Divella, della Fiera Cosimo Lacirignola e di Confindustria Alessandro Laterza, ha rivendicato l'orgoglio di un Mezzogiorno che guarda allo sviluppo. «Non si può presentare il Sud col cappello in mano che chiede ,ancora una volta, di essere riempito di ammortizzatori sociali o di prebende o di sussidi - ha affermato Vendola - il Sud che intendiamo rappresentare, che la Puglia vuole rappresentare, ha bisogno soprattutto di qualificare la spesa, di concentrarsi sulle dinamiche di un nuovo sviluppo. E' un Mezzogiorno - ha detto ancora Vendola - che non si sente sconfitto, che non è rassegnato, che ha reagito bene all'artiglio della criminalità organizzata; la Puglia ha un sistema di impresa e una pubblica amministrazione che sono sostanzialmente immuni dalla penetrazione della criminalità organizzata». «Questo Sud - ha insistito il presidente della Regione Puglia - ha bisogno di concentrarsi su se stesso e sul mondo, diventando un sistema coeso, sentendoci e ragionando da europei e mediterranei, accettando la sfida dell'innovazione che per noi significa crescere quantitativamente ma anche qualitativamente, scalando quella classifica che non ci fa onore e che vede la Puglia intorno al 200esimo posto tra le regioni europee in termini di innovazione».
«Dobbiamo recuperare il tempo perduto - ha aggiunto - noi non vogliamo avere paura della Cina o dell'India o della globalizzazione, vogliamo scommettere su questo mondo di mercati che si allargano, e abbiamo bisogno di essere aiutati soltanto nella misura di modernizzare il parco infrastrutturale del nostro territorio». «La Puglia è il cuore del Meditterraneo - ha concluso Vendola - per poterlo essere non in letteratura o retoricamente, ha bisogno che i suoi porti, aeroporti, ferrovie diventino una piattaforma unitaria e organizzata, perché credo che così conquisteremo un ruolo nell'economia ma anche nello sviluppo del dialogo di pace tra i popoli».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia