Domenica 24 Gennaio 2021 | 01:46

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariBurrasca in arrivo
Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

 
BrindisiIl caso
Presunti abusi al porto di Brindisi: 12 richieste a processo

Presunti abusi edilizi nel porto di Brindisi: chiesto il processo per 12 persone

 
LeccePuglia, cinema e tv
Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

 
TarantoIl caso
Taranto, poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati medici

Poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati i medici

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

Il detenuto chiama la moglie e la suocera non gli crede

PALERMO - Squilla il telefono e quando la suocera risponde, scopre che dall'altra parte del cellulare c'è il genero detenuto da molto tempo per traffico di droga. E' uno dei retroscena emersi dall'operazione che all'alba di oggi ha portato a Palermo all'arresto di sei persone, tra cui una guardia penitenziaria, accusata di avere fornito i cellulari ai boss detenuti. Ecco, di seguito, uno stralcio della telefonata e lo stupore della suocera dopo avere sentito la voce del genero: "Pietro sono", dice il genero. La suocera, che non lo riconosce, chiede: "Ma chi è questo Pietro?". E lui, di rimando: "Il marito di tua figlia, Giusi...". La donna stenta a crederci, visto che il genero è in carcere. "Ma che dici...". "Te lo giuro, quanto voglio bene ai bambini, le dici di chiamarmi subito su questo numero, che telefona lei, diglielo". La donna, ancora incredula, chiede al genero: "Come mai hai telefonato?". "Stai zitta, tu dì a Giusi che mi deve telefonare subito". "Aspetta che sta salendo". Anche la moglie, sorpresa, chiede al marito: "Tu come stai telefonando?". E lui, "Stai zitta, capiscimi...". E lei: "Va bene". Poi, l'uomo,rivela alla moglie di avere occultato in cella il telefono grazie al potere del suo compagno "una persona di certo rilievo". "Ti dico, abbiamo il telefono in cella. Lo hai capito? E' imboscato questo telefono". "Ah, sì". E avverte la moglie di poterla chiamare solo quando può. Nel corso di una conversazione registrata il 27 novembre del
2006, lo stesso detenuto, Pietro, dà indicazioni alla moglie "su come fare entrare sostanze stupefacenti del tipo hashish - si legge nel provvedimento - all'interno del carcere durante i colloqui". Pietro spiega alla moglie Giusi: "Digli a Giovanni che si mette due canne in bocca...". E lei: "Sì, tranquillo". "Due belle canne... tranquilla, vita mia... anche se vede ai cani digli che non l'inghiotte... se i cani abbaiano, allora inghiotte... Ti amo assai, vita mia...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400