Domenica 17 Gennaio 2021 | 00:18

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

Il 89% dei giovani europei lavora dopo 5-6 anni dalla laurea

BOLOGNA - A cinque-sei anni dal conseguimento del titolo, stanno svolgendo una o più attività lavorative retribuite (comprese eventuali attività di formazione) 89 laureati europei su cento. L'Italia, con un valore non troppo distante dalla media, si trova però a fondo scala (il tasso di occupazione è pari all'86,4%), insieme ad Austria (87,2) e Spagna (87,4). E' quanto emerge dall'indagine 'Reflex', che si è svolta fra settembre 2005 e giugno 2006 e ha coinvolto 2.900 laureati del 2000. La rilevazione è stata promossa dalla Commissione europea sulla condizione occupazionale dei laureati europei. In Italia il progetto, condotto e coordinato dall'Istituto Iard 'Franco Brambillà e da AlmaLaurea, ha ricevuto il sostegno del ministero dell'Università e l'appoggio della Crui. Nel complesso, sono stati circa 34mila gli intervistati dei primi 11 Paesi europei: Austria, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna e Svizzera.

L'Italia conferma la bassa partecipazione delle donne al mercato del lavoro, tanto che le differenze rispetto ai colleghi sfiorano i 10 punti percentuali (lavora il 82% delle donne e il 91 degli uomini). Resta però vero che le donne risultano svantaggiate in tutti i Paesi coinvolti, con differenze che oscillano tra un punto percentuale della Francia e 12 punti dell'Austria. La comparazione delle caratteristiche del lavoro svolto deve tener conto sia del contesto economico e del mercato del lavoro nazionali sia del peso degli occupati nel pubblico impiego in ognuna delle realtà indagate. In Italia questi ultimi rappresentano, infatti, il 27%, contro una media europea del 40% (con punte di oltre il 50% in Norvegia, Germania e Finlandia). Con queste precisazioni, si rileva che il lavoro autonomo, ad esempio, coinvolge il 12% dei laureati europei, esattamente la metà di quanto rilevato a livello italiano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400