Giovedì 13 Dicembre 2018 | 01:25

GDM.TV

Una breve intervista telefonica: «sono ridotto ad un relitto»

IL CAIRO - «Sono ridotto ad un relitto di essere umano»: lo ha detto Abu Omar, raggiunto telefonicamente dall'Ansa. «Non posso parlare - ha detto - non posso lasciare il Paese. Non voglio andare in carcere un'altra volta».
Abu Omar ha proseguito dicendo: «non voglio violare le loro istruzioni, non posso incontrare nessuno. Non voglio ripetere questa esperienza negativa».
La voce dell'uomo, che ha parlato con l'agenzia di stampa attraverso un interprete, sembrava tremare, mentre non giungeva nessun rumore di sottofondo.
Quando gli è stato chiesto dove si trovasse, ha interrotto bruscamente la telefonata. Secondo quanto si è appreso, Abu Omar potrebbe avere lasciato con la famiglia la sua abitazione, ma non Alessandria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive