Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 05:48

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

La Procura di Milano: scarse speranze di interrogarlo

MILANO - «Le speranze di poterlo andare a sentire in Egitto sono scarse, anzi le possibilità di interrogarlo erano maggiori quando era detenuto». È quanto hanno fatto sapere in Procura a Milano, parlando della scarcerazione disposta ieri dal governo egiziano di Abu Omar, l'imam rapito vicino alla moschea milanese di viale Jenner il 17 febbraio 2003.
Le indagini sul rapimento condotte dai procuratori aggiunti Armando Spataro e Ferdinando Pomarici, hanno portato ad accusare 26 agenti della Cia, l'ex direttore del Sismi Nicolò Pollari, l'ex capo del controspionaggio Marco Mancini e altri funzionari del servizio segreto militare ed anche il maresciallo del Ros, Luciano Pironi.
Tutti sono ora imputati all'udienza preliminare in corso oggi a Milano davanti al gup Caterina Interlandi. Uno dei difensori di sei agenti della Cia, l'avvocato Guido Meroni, prima dell'inizio dell'udienza, ha spiegato: «Formuleremo in questa fase o nella fase del dibattimento di sentire Abu Omar come testimone-parte lesa. Potrebbe fornirci qualche elemento in più visto che siamo completamente al buio per quanto riguarda la vera identità di alcuni imputati».
Tutti gli agenti della Cia sono latitanti e nei loro confronti la magistratura milanese ha inviato al ministero di Grazia e Giustizia una richiesta di estradizione sulla quale il Guardasigilli dovrà decidere se inoltrarla negli Stati Uniti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400