Giovedì 13 Dicembre 2018 | 01:17

GDM.TV

Corte dei conti Puglia - La replica del presidente della Regione, Nichi Vendola

BARI - Alle osservazioni del procuratore regionale della Corte dei conti «sulla sanità rispondo che il film si capisce dalla fine». Sulla questione del ricorso all'esercizio esercizio provvisorio, invece, «accetto la critica ma rispondo che la contabilità della Regione deve osservare non solo fattori algebrici ma anche altri tipi di fattori». Così il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha risposto alle osservazioni sull'attività della Regione formulate oggi dal procuratore della Corte dei conti, Francesco Lorusso nel corso della cerimonia di apertura dell'anno giudiziario. Nichi Vendola
«Lorusso - ha detto Vendola a conclusione della cerimonia - pone l'accento sul rischio che i processi virtuosi introdotti con l'accorpamento delle Asl possano invece non essere realizzati». «Dobbiamo essere avvertiti di questo rischio - ha detto - e fare in modo invece che anche la crescita e lo sviluppo del distretto sanitario non siano semplicemente una nuova burocrazia, ma la costruzione dei quei servizi che rendono merito anche a politiche di risparmio». «Se si sviluppano i servizi territoriali - ha detto - non ci sono ricoveri inappropriati che sono molto costosi per la Regione».
Vendola ha poi precisato che la Regione ha fatto ricorso all'esercizio finanziario provvisorio «insieme con altre Regioni, per non intervenire sulle aliquote fiscali, non aumentare quindi le tasse ai pugliesi». «È una critica che io accetto e cerco di contestualizzare - ha detto ancora - e dico alla Corte dei conti che noi non abbiamo non soltanto il problema dei conti della Regione, ma abbiamo anche il problema dei conti delle famiglie, dei conti dei territori. Un territorio come quello pugliese che è stato desertificato dal punto di vista dei servizi sociali, della protezione sociale, deve tenere conto anche di quei conti».
Vendola ha poi ricordato che nella relazione dello scorso anno «la Procura regionale segnalò l'anomalia dell'eccessivo ricorso a legali esterni alla Regione: dalla percentuale del 75% di allora siamo scesi in un anno al 25%. E poi abbiamo chiuso completamente con la istituzione dell'avvocatura regionale sul modello della avvocatura dello Stato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive